In collaborazione con parity.org

Ralph Lauren chiama a raccolta gli altri brand per la parità di genere

L’azienda americana Ralph Lauren ha predisposto una roadmap, che dovrebbe portare ad abbattere le barriere e raggiungere l'uguaglianza di genere.

Lo ha fatto coinvolgendo Parity.org - un'organizzazione senza scopo di lucro, focalizzata sull'introduzione della parità di genere ai più alti livelli di business - nonché gruppi come Pvh, Lacoste, Tiffany e Movado. Il progetto più ampio è convincere altri player a sottoscrivere il nuovo The Parity Model.

Tutto è cominciato nel 2019, quando Ralph Lauren e Parity.org, consci che la moda ha una distanza da colmare sul tema, hanno riunito fashion house e retailer per discuterne e capire l'approccio del settore al cambiamento, oltre ai passaggi necessari per colmare il gap.

La roadmap, che ha adattato il The Parity Model sviluppato da Parity.org, è il risultato delle tavole rotonde e delle riflessioni emerse. Pensato per realtà di ogni dimensione, è suddiviso in cinque aree: prendere un impegno concreto, come primo passo per colmare il divario di genere; adottare una strategia di reclutamento di dirigenti, assumendo donne qualificate e differenziate a pari livelli, posizioni e retribuzione; preparare i dirigenti per aiutare le aziende a garantire che le donne ad alto potenziale siano pronte per la leadership; proporre benefit e policy volti a migliorare l'equilibrio tra vita professionale e vita privata, permettendo alle donne di svolgere al meglio il proprio lavoro; raggiungere la parità delle retribuzioni, come parte essenziale per arrivare alla parità di genere.

In base a una ricerca di PwC dello scorso anno, le donne che occupano la posizione di ceo nella moda sono più scarse rispetto a settori quali la finanza o l’aerospazio. Per la precisione solo il 12,5% dei ceo nell’industria del settore sono donne e nei board rappresentano solo il 26% dei consiglieri.

Nonostante ciò sono la maggioranza degli addetti nel fashon e nel retail e prendono l’80% delle decisioni d’acquisto della moda, per un valore nel mondo di 15 trilioni di dollari (la foto in alto è tratta da Parity.org/fashion, dove è disponibile la roadmap). 

e.f.
stats