A otto mesi dall'uscita di Nick Beighton

Asos promuove a ceo José Antonio Ramos Calamonte

Asos scommette su una risorsa interna per guidare il rilancio dell’insegna e promuove a ceo l’attuale chief commercial officer José Antonio Ramos Calamonte. Nominato anche il nuovo presidente Jgøren Lindemann.

Commentando la nuova nomina, il presidente uscente Ian Dyson ha dichiarato: «José è la persona giusta per guidare Asos nella prossima fase di crescita. Da quando è entrato a far parte dell'azienda, ha dato un enorme contributo, guidando il cambiamento dal punto di vista commerciale e portando nuova energia ed entusiasmo sul fronte del prodotto e del trading».

Calmonte è entrato in Asos da Salsa Jeans, azienda portoghese leader nel settore della moda, dove ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato per quasi due anni. È un esperto di retail internazionale, con 18 anni di carriera in marchi come Inditex, Esprit e Carrefour Spagna, dopo aver iniziato la sua carriera presso McKinsey.

Prende il posto di Nick Beighton, manager uscito lo scorso ottobre da Asos dopo 12 anni, inizialmente come cfo poi, negli ultimi sei anni, come ceo.

Dopo la sua uscita di scena, il fashion e-commerce britannico aveva avviato la ricerca di un nuovo amministratore delegato e aveva preso in considerazione Rob Hattrell, responsabile di Ebay in Europa, che però alla fine aveva rifiutato l'offerta.

Quanto a Jørgen Lindemann, è entrato a far parte del cda di Asos come direttore non esecutivo il primo novembre 2021 e in qualità di presidente succederà a Ian Dyson a partire dal primo agosto 2022.

Lindemann, ha dichiarato l'azienda, ha una profonda esperienza nella guida di aziende digital-first. Oltre al suo ruolo nel consiglio di amministrazione di Asos, è attualmente presidente del marketplace online Miinto, con sede in Danimarca, e membro del consiglio di amministrazione di Bambuser AB.

È stato presidente e amministratore delegato di Modern Times Group, azienda svedese di intrattenimento digitale, e recentemente si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Zalando dopo cinque anni come direttore non esecutivo.

Lo scorso aprile Asos ha pubblicato un aggiornamento sull’andamento dei sei mesi terminati il 28 febbraio. I ricavi dell’e-tailer britannico sono aumentati del 4% a cambi costanti, poco sopra i 2 miliardi di sterline (+1% a valori correnti). L’ebit adjusted ha invece totalizzato 26,2 milioni di sterline, in calo del 77% rispetto alla prima metà dell’esercizio precedente e l’ebit margin rettificato è crollato dal 5,9% all’1,3%.

Per il 2022, Asos mantiene le sue previsioni di crescita tra il 10% e il 15% e di un utile rettificato tra i 110 milioni di sterline (131,8 milioni di euro) e i 140 milioni di sterline (167,8 milioni di euro). Questo nonostante abbia sospeso le attività in Russia, dove realizza circa il 4% dei ricavi.

a.t.
stats