La classifica dei manager italiani più seguiti

Fashion ceo poco attivi su Linkedin: nella top 10 solo Rongone di Bottega Veneta, Ruffini il più coinvolgente

I ceo del settore finance e automotive sono più abili di quelli del fashion, almeno quando si tratta di gestire il proprio profilo Linkedin.

È questa una delle principali evidenze che saltano all’occhio passando in rassegna la classifica dei 30 manager italiani con più follower sul social media, elaborata per il terzo anno consecutivo dalla società di consulenza di reputazione digitale Pubblico Delirio.

Se infatti i primi due posti in classifica restano saldamente nelle mani dei manager delle quattro ruote Stephan Winkelmann di Automobili Lamborghini (con 121.600 follower, +42mila) e Luca De Meo di Renault Group (93.900, +30.400), bisogna arrivare fino alla decima posizione per imbattersi nel nome di un ceo legato al fashion system.

Il manager in questione è Bartolomeo Rongone, amministratore delegato di Bottega Veneta che può contare (i dati sono quelli del 30 giugno 2022) su 30.700 seguaci su Linkedin, con un incremento negli ultimi 12 mesi di 11.700 seguaci.

Anche Remo Ruffini è tra i top executive italiani distintisi nel 2022 per crescente impegno e conseguente aumento di follower. Il patron di Moncler è seguito da 12.100 utenti, di cui ben 8.100 si sono aggiunti quest’anno. Una performance che lo porta a occupare il 22esimo posto nella Top 30, con un balzo di ben 23 posizioni.

Se a livello di popolarità Ruffini si deve accontentare di una posizione di retroguardia, può vantare una leadership assoluta: è infatti il ceo con la miglior engagement rate, ovvero con il numero medio di interazioni maggiori per post nel periodo di osservazione.

an.bi.
stats