Zendaya protagonista della serata

Conte ai Green Carpet Awards: «Il made in Italy esempio per il mondo»

«Sono fiero della filiera italiana, le industrie stanno mostrando un modello che è di esempio per il mondo intero». Con queste parole il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è intervenuto alla quarta edizione (completamente digital) dei Green Carpet Fashion Awards, trasmessa in diretta streaming il 10 ottobre. 

«Il made in Italy è un esempio per il mondo - ha proseguito il premier, che ha parlato in inglese con alle spalle le bandiere italiana ed europea al termine delle premiazioni -. Sono orgoglioso della creatività e della resilienza dimostrata dagli italiani».

L'evento, organizzato da Camera Nazionale della Moda Italiana insieme a Eco-Age e con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e di Ice Agenzia ha visto la partecipazione di star come Sophie Okonedo, Colin Firth, Nomzamo Mbatha, Maisie Williams, Iman, Cate Blanchett e Lewis Hamilton, alcune delle quali sono apparse in forma di ologrammi.

A fare gli onori di casa, il presidente di camera moda Carlo Capasa e Livia Firth di EcoAge, ma anche il sovrintendente della Scala Dominique Meyer e il sindaco di Milano Giuseppe Sala.

«Viviamo in tempi difficili e dobbiamo trovare modi di andare avanti e fare meglio di prima, questa», ha detto il primo cittadino, «è un'opportunità di cambiamento».

Protagonista della serata è stata l’attrice e modella statunitense Zendaya, insignita del Gcfa Visionary Award 2020 che premia i pionieri del settore moda, in prima linea su temi come sostenibilità, uguaglianza e diversità. Zendaya è stata infatti volto della campagna womenswear di Tommy Hilfiger, che nel 2019 ha chiamato per la prima volta nel cast di una sua sfilata una modella plus size, oltre che portavoce del concetto di inclusività nel fashion system.

Mentre il Gcfa Responsible Disruption Award è stato assegnato al Progetto Quid, che produce e distribuisce collezioni moda realizzate con tessuti di fine linea di prima qualità, offrendo opportunità di carriera a chi altrimenti avrebbe difficoltà a inserirsi sul mercato del lavoro, soprattutto a donne. In poco più di sette anni ha dato lavoro a 142 persone, di cui il 70% sono donne vulnerabili.

Sindiso Khumalo ha vinto il Gcfa Best Independent Designer Award, mentre il Gcfa North Star Award è andato alle Nazioni Unite per The UN Global Goals. Infine il Gcfa Art of Craftmanship Award è stato attribuito agli artigiani italiani, che Conte ha elogiato nel suo messaggio.

«Quest’anno - ha commentato Carlo Capasa, presidente di Cnmi - tutti i nostri brand avrebbero meritato la maggior parte dei premi, visto l’incredibile contributo che hanno dato all’emergenza sanitaria che abbiamo vissuto: non solo attraverso enormi donazioni, ma anche con riconversioni del settore per produzioni medico. Tuttavia, i marchi hanno ritenuto che fosse più importante sottolineare e dare rilevanza alle centinaia di migliaia di persone che lavorano dietro le quinte nella filiera produttiva».

an.bi.

Gli ospiti : Green Carpet Fashion Awards 2020



stats