LA STARTUP PREMIATA DA UNA PLATEA DIGITALE

Gio Giacobbe ed Edoardo Iannuzzi sul podio di Wpp Innovator dell'anno con le sneaker Acbc

La terza edizione del premio per startup creato da Wpp, Amici della Triennale e Triennale Milano ha portato sul podio come vincitore del premio Innovator dell'anno il brand Acbc di Gio Giacobbe (ceo) ed Edoardo Iannuzzi (direttore creativo).

Il premio, dedicato alle startup che meglio hanno saputo esprimere creatività, ingegno e imprenditorialità, applicando la componente tecnologica anche ad ambiti più tradizionali, è stato assegnato da una platea digitale, che si è connessa alla piattaforma su cui si è svolto l'evento e che ha espresso il proprio parere attraverso un meccanismo di voto elettronico.

L'azienda riceverà in premio una consulenza di comunicazione a 360 gradi (pr, adv, ricerche, media, digital) da parte di professionisti del gruppo Wpp.

Acbc si è imposto grazie a un originale concept high-tech: calzature modulari, suscettibili di infinite variazioni. Sulla stessa suola, infatti, si possono montare e cambiare 100 diverse tomaie, leggere e facili da trasportare. Sportive, classiche, casual: lo stile cambia in pochi secondi, riducendo anche l'impatto ambientale. 

Dietro l'idea della sneaker che cambia pelle ci sono due giovani tornati in Italia per «rivoluzionare il mondo delle calzature», come spiega Edoardo Iannuzzi, 32 anni: «È un settore che è rimasto statico negli ultimi anni, abbiamo cercato di innovarlo partendo dalle esigenze dell'uomo contemporaneo, che si sposta e viaggia molto, passando da un luogo all'altro nella stessa giornata».

Senza tralasciare l'aspetto green: «Il progetto è stato sviluppato – precisa il direttore creativo - anche con il fine di ridurre l'inquinamento derivante dai processi produttivi, allungando il ciclo di vita della scarpa».  

La sneaker modulabile è infatti costituita da una suola su cui si possono montare "skin" diverse, a seconda delle necessità. Una zip speciale realizzata da Acbc permette di unire le due parti della calzatura, garantendo resistenza all'acqua e robustezza.

«Con 10 suole e 100 tomaie a disposizione si possono creare fino a 1.000 combinazioni diverse - afferma il ceo Gio Giacobbe, 34 anni -. Il prodotto completo costa in media 120 euro e la sua particolarità sta proprio nella zip, che è unica, perché la posizione e la tipologia permettono l'intercambiabilità». 

Nata nel 2017, Acbc ha attirato l'interesse del settore grazie a un video che ha raggiunto 50 milioni di visualizzazioni, fidelizzando oltre 2.500 clienti worldwide. A oggi Acbc ha all'attivo 13 store monomarca in nove Paesi e vanta collaborazioni in co-brand con marchi del calibro di Moschino e Armani.

Solo qualche giorno fa Acbc è stata incoronata come la migliore startup dell'edizione 2020 di BHeroes, docu-serie che racconta il mondo dell'imprenditorialità innovativa italiana, realizzata in collaborazione con Intesa Sanpaolo e in onda su Sky e Now Tv dal 25 maggio scorso.

a.t.
stats