Molti fili disponibili in 24 ore

Lanificio dell’Olivo: le novità per i 75 anni

Nel 2022 il Lanificio dell’Olivo compie 75 anni e le occasioni per celebrare questa lunga militanza nell’industria tessile e nella moda non mancano. A Pitti Filati, la scorsa settimana, il gruppo di Campi Bisenzio (Fi) specializzato nei filati fantasia si è presentato con un allestimento in grande stile. Le immagini alle pareti davano rilievo alle risorse umane, dalle maestranze al commerciale, fino agli amministrativi, mentre un video realizzato da un fotografo di moda si concentrava sul prodotto.

Per il 75esimo anniversario l’azienda guidata da Fabio Campana, che dal 2020 è controllata da Ethica Global Investments e dal management, ha creato una collezione speciale. In più la sera del 28 giugno ha voluto festeggiare il compleanno all’hotel Baglioni di Firenze con i maggiori clienti, gli agenti, la stampa ed esponenti di Ethica Global Investments oltre che di Manifattura Sesia, la realtà tessile di Fara Novarese entrata nel portafoglio della società di investimenti il mese scorso (le due controllate superano i 40 milioni di euro di ricavi aggregati nell’anno in corso, con la prospettiva di risultati economici in aumento, grazie alle economie di scala e scopo).



In Fortezza Lanificio dell’Olivo ha presentato una collezione Autunno-Inverno 2023-2024 in nove declinazioni che seguono due traiettorie principali: una parte è orientata al comfort e alla durabilità, mentre un’altra ha un’anima più sportiva e moderna.

Tra i plus il fatto che molti colori sono disponibili per la spedizione in 24 ore durante l’intera stagione, oltre ai fili promozionali pronti a magazzino per le prime campionature. La realtà del distretto toscano ha, inoltre, un laboratorio creativo interno che mette a disposizione il proprio know how in fatto di mix di punti maglia e colori e di personalizzazioni: un servizio, quest’ultimo, via via potenziato per un’esecuzione in tempi rapidi delle prove, che così non vanno a pesare sul cliente in termini di costi aggiuntivi.

L’azienda sta anche facendo molti passi avanti in materia di sostenibilità. Tra i target più recenti c’è il raggiungimento del livello “Advanced” in tre iniziative riconosciute da 4sustainability (4S Chemistry, 4S People e 4S Materials), brand che certifica le aziende che attuano una o più iniziative, rispettando rigorosi requisiti in materia di sostenibilità, e su cui viene esercitato un monitoraggio costante.


Il livello avanzato 4S Chemistry significa aver fatto proprio il concetto di eliminazione delle sostanze chimiche tossiche e nocive a tutela della salute dell’uomo (lavoratori e consumatori). Il livello advanced nell’implementazione del pillar People vuol dire aver individuato nella centralità della persona uno dei cardini del proprio modello di business con un alto livello di managerialità e chiarezza di governance, di presidio del tema della responsabilità sociale d’impresa, di diffusione della cultura della sostenibilità, di attenzione alle risorse proprie e della propria catena del valore, di cura degli spazi di lavoro e produzione. Per quanto riguarda i Materials, il lanificio è salito al livello avanzato perché ha messo tra le priorità la realizzazione di prodotti in materie prime connotate dalla sostenibilità, ha stabilito la preferenza per l’uso di materie prime sostenibili e ha sviluppato un sistema in grado di tenere traccia dei relativi volumi.

I fili di Lanificio dell’Olivo in questi giorni sono di scena in una serie di eventi fieristici europei, da Ideafil di Barcelona a Feel the Yarn a Parigi e Garnmusterschau in Germania. Questo mese di luglio saranno presentati anche a Londra e New York (Feel the Yarn) e a Hong Kong (Spinexpo). A seguire in agenda c'è di nuovo l'Asia con Shenzen e Tokyo (Feel the Yarn).

A cura della redazione
stats