CON DECORRENZA DALL'1 LUGLIO

Federico Marchetti entra nel cda di Giorgio Armani

Una stringatissima nota stampa per svelare un connubio che avrà importanti ripercussioni: «Federico Marchetti, con decorrenza dalla data odierna, entra a far parte del consiglio di amministrazione della Giorgio Armani S.p.A., in qualità di consigliere indipendente non esecutivo».

Un incarico che arriva in un momento cruciale, in cui lo tsunami della pandemia ha spazzato via certezze e innescato un salto evolutivo a livello digitale e che suggerisce alle aziende di ritarare percorsi e strategie.

Giorgio Armani - che durante questa difficile crisi si è esposto in prima persona, dimostrando la propria vicinanza agli operatori coinvolti nell'emergenza sanitaria e prendendo posizione in merito alla necessità di uno slowdown nel sistema moda – si porta infatti "in casa" l'attuale presidente e amministratore delegato di Ynap, colosso dell'e-commerce con oltre 4,3 milioni di clienti in 180 Paesi.

Proprio a marzo Marchetti aveva annunciato l'intenzione di lasciare le cariche operative, pur mantenendo la presidenza dell'e-tailer, con l'idea di attuare il cambio di governance quando il giusto erede sarebbe stato individuato.

Il Covid-19 e lo scenario economico di incertezza lasciato dalla pandemia avevano successivamente convinto il manager a sospendere temporaneamente le ricerche.

E ora, proprio nel 20esimo anniversario di Yoox, arriva il nuovo incarico nella Giorgio Armani, dove «l'uomo che ha portato la moda sul web», secondo una definizione del New York Times, potrà dare importanti visioni e contributi.

«Sono entusiasta di entrare a far parte del consiglio di amministrazione di Giorgio Armani – ha scritto Marchetti sul proprio account Instagram -. Nel corso degli anni Armani ha promosso la qualità e l'artigianalità nel'industria della moda, prediligendo lo stile alle tendenze. Un'eccellenza del made in Italy non solo per la qualità dei suoi capi, ma anche per la gestione della sua attività, infatti è uno dei pochissimi stilisti la cui azienda rimane privata e indipendente. Non vedo l'ora di raggiungere insieme grandi risultati in futuro».

A 20 anni di distanza dal primo incontro con Re Giorgio, Marchetti - classe 1969 - ricorda la lungimiranza e la capacità innovativa di Armani, che all'epoca scelse di sbarcare nelle vendite sul web: «Giorgio Armani – scrive - ha costruito un'eredità ineguagliabile, è da sempre un visionario. L'ho sperimentato in prima persona 20 anni fa, quando fu tra i primi a vedere il potenziale del lusso online. Si fidò di me ed ebbe il coraggio di presentare i suoi meravigliosi capi su Yoox e poi su Armani.com e MrPorterLive».

E ora non resta che aspettare le prossime mosse.

a.t.
stats