nel centenario della nascita di ottavio

Presentata a Bologna l'edizione celebrativa del libro Missoni-La Grande Moda Italiana

Viene presentata oggi, 3 dicembre, alla Biblioteca Salaborsa di Bologna, l'edizione celebrativa del volume Missoni-La Grande Moda Italiana, nel centenario della nascita del fondatore Ottavio Missoni.

A parlare di una lunga storia interamente all'insegna del made in Italy Luca Missoni, direttore artistico dell’Archivio Missoni - che autografa le copie con la collaborazione del Mondadori Store di Bologna - e Federico Ferrari, direttore editoriale della casa editrice Scripta Maneant.

Ottavio Missoni, nato a Ragusa (oggi Dubrovnik) in Croazia l'11 febbraio 1921 e morto a Sumirago, sede della casa di moda, il 9 maggio 2013, è stato insieme alla moglie Rosita e ai figli l'artefice di una storia di successo, che ha superato i confini tra arte e moda in nome di uno stile inconfondibile, che si è fatto notare a partire dal primo show nel 1968 alla Piscina Solari di Milano.

Grazie alla collaborazione con l’Archivio Missoni e alla diretta partecipazione della famiglia, il libro ripercorre in un iter fotografico le tappe salienti della griffe, da piccola bottega a brand celebrato in tutto il mondo.

Pagina dopo pagina (in totale sono oltre 300) scorrono 280 tra immagini inedite, i disegni e gli studi cromatici realizzati da Ottavio, che come è noto è passato con grande naturalezza dall'atletica leggera - con una partecipazione anche ai Giochi Olimpici del 1948 - alla moda, una delle sue passioni già prima del matrimonio nel 1953 con Rosita, la cui famiglia possedeva un'azienda di scialli e tessuti ricamati. Infatti, prima di unirsi a lei, lo stilista e imprenditore aveva avviato a Trieste, insieme al discobolo Giorgio Oberweger, un laboratorio di maglieria.

È stato l'inizio di un'ascesa che ha proiettato i Missoni all'affermazione internazionale, trasmettendo ai figli (Vittorio, scomparso nel 2013, Luca e Angela) l'amore per un lavoro che è sempre stato prima di tutto una vocazione.

Oggi, dopo che Angela Missoni ha lasciato la direzione creativa per rivestire il ruolo di presidente della società (detenuta per il 58,8% dalla famiglia e per il 41,2% dal fondo Fsi, con Livio Proli nel ruolo di ceo), la responsabilità stilistica del brand è affidata ad Alberto Caliri, per molti anni braccio destro di Angela.

Tra i recenti progetti del marchio spicca la realizzazione, per conto del gruppo saudita Dar Al Arkan, degli arredi dell'edificio residenziale Urban Oasis, una torre di 38 piani a Dubai, che verrà terminata nel 2023.

A cura della redazione
stats