OBIETTIVO RICAVI PER UN MILIARDO DI DOLLARI

Mcm arruola Dirk Schönberger, ex direttore creativo di Adidas

Dirk Schönberger, dal 2010 direttore creativo di Adidas, diventa il primo global creative director di Mcm, marchio di accessori e ready to wear del gruppo sudcoreano SungJoo.

Il designer di Colonia, che durante il mandato da Adidas ha rilanciato articoli storici quali le sneaker Stan Smith e promosso collaborazioni con pezzi da 90 come Rick Owens, Raf Simons e Kanye West, avrà a disposizione un nuovo studio di design a Berlino, che si aggiungerà a quelli già attivi di Seul e Milano e farà da catalizzatore per una visione integrata di tutte le future strategie del brand.

Schönberger prevede di assumere 25 persone nel team, responsabile del design del prodotto e di aree chiave come il marketing globale e l'art direction.

«Ogni stagione ci sarà un messaggio molto chiaro e focalizzato - ha detto Schönberger a wwd.com -. Un messaggio coeso su tutto ciò che riguarda il consumatore, non solo relativamente ai prodotti, ma anche al retail, all'e-commerce, alle campagne, ai social media...Un modo per avere un focus e parlare la stessa lingua».

La prima collezione completa disegnata da Dirk Schönberger sarà quella della primavera 2020. Sebbene il designer abbia in mente un refreshment di alcune aree, ha dichiarato di non voler entrare a gamba tesa nell'identità del brand con una rivoluzione radicale.

Lascerà la sua importanza al monogram di Mcm, ma lavorerà sui diversi segmenti dell'offerta, attualmente focalizzata sugli accessori (che fruttano l'80% dei ricavi), con un progressivo ampliamento dell'influenza del ready to wear e del footwear e uscite flash più frequenti.

«Dirk Schönberger è la persona perfetta per coniugare il nostro heritage con elementi del moderno melting pot culturale che si respira a Berlino», ha detto Sung-Joo Kim, presidente di Mcm, brand distribuito in circa 500 store in 40 Paesi, che secondo gli ultimi dati disponibili ha raggiunto nel 2016 ricavi per 700 milioni di dollari e prevede di toccare quota un miliardo entro il 2020.

Dalla sua Schönberger porta in Mcs una lunga esperienza nel settore: dopo essersi formato alla Esmod di Monaco, ha lavorato per tre anni come assistente da Dirk Bikkembergs e successivamente si è cimentato con una propria linea maschile (lanciata nel 1996) e nel womenswear (2002), progetti che però ha chiuso nel 2009. Nel 2007 è stato nominato direttore creativo da Joop, ad Amburgo, mentre nel 2010 è entrato nelle fila di Adidas come direttore creativo della divisione Sport Style.

a.t.
stats