Operativo dall'1 novembre

Hugo Boss: Stephan Born prende il posto di Anthony Lucia ai vertici Usa

Cambio ai vertici in Hugo Boss Americas: il presidente e ceo Anthony Lucia cede la poltrona a Stephan Born, attualmente managing director di Hugo Boss Northern Europe, Middle East and India.

Il manager assume l'incarico a partire dal prossimo 1 novembre, ma Lucia lascerà l'azienda a fine novembre, per assicurare un passaggio delle consegne soft.

Il gruppo, che ha ringraziato il presidente e ceo dimissionario per «il contributo dato allo sviluppo di Hugo Boss», non ha fornito motivazioni a proposito di questa decisione.

È noto però che l'azienda è reduce da stagioni piuttosto deboli nel mercato americano, con il fatturato sceso dell'8% nel primo quarter e del 3% nel secondo.

Come ha confermato Yves Müller, cfo del gruppo, in occasione della presentazione dei risultati del secondo quarter, «il business in America non è andato bene come ci aspettavamo. Non ci consola il fatto che i nostri competitor stiano vivendo un momento difficile in quest'area, ma è la dimostrazione di quanto sia complesso questo mercato». Müller ha aggiunto che sono previsti miglioramenti nella seconda parte dell'anno.

Ora Hugo Boss scommette su Born, di cui sono stati sottolineati «i molti anni di esperienza nel settore wholesale e retail e la grande conoscenza delle necessità del mercato».

Il neo-nominato ha trascorso gli ultimi dieci anni in molteplici region, comprese Spagna, Portogallo, Londra e Regno Unito e Irlanda. Riferirà a Mark Langer, ceo di Hugo Boss.

Il gruppo, che pubblicherà i dati del terzo trimestre il 5 novembre, è cresciuto del 2% nel secondo trimestre, a parità di valute. I ricavi hanno raggiunto i 675 milioni di euro, sostenuti dal +8% a cambi comparabili in Asia-Pacifico.

c.me.
stats