per lui risultati di vendita deludenti

Raf Simons lascia Calvin Klein

Imaxtree

Non hanno nemmeno aspettato la naturale scadenza del contratto, anche se mancavano solo otto mesi: Raf Simons e Calvin Klein hanno deciso di interrompere la loro collaborazione.

La rottura era nell'aria - dopo le critiche di Emanuel Chirico, presidente e ceo di Pvh, al lavoro dello stilista - e porterà a una conseguenza immediata: Calvin Klein ha annunciato che la collezione 205W39NYC non sfilerà a febbraio durante la New York fashion week come previsto.

La nota ufficiale parla di una decisione presa di comune accordo, ma difficile non pensare che le dichiarazioni del ceo di Pvh (di cui Calvin Klein fa parte) fossero una sorta di “licenziamento”.

Il manager aveva dichiarato che risultati in termini di vendite si erano rivelati deludenti, nonostante gli investimenti milionari in aumento.

Una situazione che ha evidentemente spinto l’azienda Usa a rivedere le strategie e a fare a meno dello stile visionario (e costoso) di Simons.

Lo stilista belga, 50 anni, considerato tra i maggiori talenti della sua generazione, era stato nominato direttore creativo della maison americana nel 2016. Arrivava da Dior, che lo ha consacrato tra i grandi della moda.

Per il futuro di Calvin Klein si parla di un approccio più commerciale, anche se il popolo dei social ha già eletto il successore ideale di Raf Simons: Phoebe Philo, che dal suo addio a Celine risulta ufficialmente “disoccupata”.



an.bi.
stats