Piazza Affari non gradisce

Fiera Milano: si dimette il ceo Fabrizio Curci

Fabrizio Curci si è dimesso dalle cariche di consigliere di amministrazione, amministratore delegato e direttore generale di Fiera Milano Spa. L'efficacia, si legge in una nota, è «a valle della riunione consiliare prevista per il 18 giugno 2020».

Le dimissioni - in un momento delicato per il sistema fieristico nazionale, colpito dagli annullamenti delle date di molte manifestazioni di rilievo, causa-covid 19 - sono motivate dalla «decisione di intraprendere un nuovo percorso professionale e personale».

La Borsa non sembra prendere bene la notizia: poco dopo le 16 le azioni Fiera Milano registrano un calo del 2,9% al prezzo di 3,51 euro per azione, mentre l'indice Ftse Italia All Share sale dello 0,62%.

Preso atto delle dimissioni, il board dice di avere immediatamente attivato il piano di successione «che assicurerà la continuità e la stabilità della gestione».

«Quello trascorso in Fiera – afferma Curci - è stato un triennio incredibilmente intenso, che mi ha concesso la possibilità di conoscere e apprezzare una realtà inaspettata, dal potenziale enorme. Fiera Milano è un'azienda solida, non solo finanziariamente, ma soprattutto perché fatta di persone e professionisti straordinari, che sapranno condurla verso nuovi traguardi ancora più ambiziosi».

Nominato ceo nel 2017 Curci vanta una consolidata esperienza nel Gruppo FCA – Fiat Chrysler Automobiles, dove è stato responsabile del brand Alfa Romeo per l'area Emea.

A lui i ringraziamenti del cda, «per aver predisposto, proposto e attuato nel corso del suo mandato uno sfidante piano di risanamento, messa in sicurezza e rilancio di Fiera Milano e per aver stabilito le premesse organizzative, commerciali, di innovazione e di sviluppo per la prosecuzione del percorso di consolidamento e crescita della società».

e.f.
stats