pitti uomo 96

Andrea Panconesi: «Per i 90 anni di LuisaViaRoma la sfilata multibrand più grande di sempre»

«La più grande sfilata multibrand mai realizzata, nella moda non si è mai vista una cosa così». Andrea Panconesi promette effetti molto speciali, in occasione di uno degli eventi più attesi durante questa tornata di Pitti Uomo: il mega-show di questa sera a piazzale Michelangelo, per celebrare i 90 anni di LuisaViaRoma e i primi 20 anni del suo e-commerce.

I numeri sono da kolossal: 90 uscite previste su una passerella di 180 metri, 4mila ospiti e 50 marchi coinvolti, da Valentino a Prada, passando per Louis Vuitton, Gucci, Alaïa, The Attico, Ralph Lauren e Burberry.

Griffe che hanno realizzato uno o più look di ispirazione anni Novanta, pronti per essere messi in vendita sul sito di LuisaViaRoma nella sezione Cr Runway, ossia il marchio creato da Carine Roitfeld, a cui Panconesi ha affidato la direzione creativa dell'evento. Ciliegina sulla torta, la live performance di Lenny Kravitz.

Nell'intervista esclusiva pubblicata su Fashion magazine, in distribuzione a Pitti Uomo e poi a Milano Moda Uomo, Panconesi spiega: «Volevamo una festa che desse il segno del cambiamento, perché prima dell'inclusione ci vuole l'apertura».

Di qui la scelta di non avere sponsor, nonostante per l'happening di questa sera ci siano voluti almeno 5 milioni di euro «e non credo che questo budget sarà sufficiente per il progetto: i conti li faremo alla fine».

Panconesi avrebbe potuto mettere in vendita gli inviti, che sarebbero di sicuro andati sold out. Invece l'ingresso sarà completamente gratuito, perché «preferisco non dover rendere conto a nessuno ed essere libero. Certo, questo ha un costo, ma per fortuna possiamo permettercelo».

Le collezioni saranno un'esclusiva dell'online e non andranno instore a Firenze. Ogni lancio sarà diverso, a seconda del coinvolgimento dei marchi: «Gucci, ad esempio - precisa il numero uno di LuisaViaRoma - ha firmato quattro look completi, quindi darà un contributo importante».

Panconesi ha messo in piedi per l'occasione quella che definisce «una squadra incredibile», che comprende tra gli altri Andy Boose e Stafan Santoni di Isg per la produzione, oltre ovviamente a Carine Roitfeld, «un direttore artistico perfetto. Avevamo già lavorato con lei per un'iniziativa di beneficenza e l'intesa potrebbe continuare. Le abbiamo dato carta bianca, tranne sulla location. Quella l'abbiamo scelta noi».

L'idea non era solo quella di festeggiare i 90 anni di LuisaViaRoma, «ma anche la città da cui tutto è partito. A Firenze è nato il Rinascimento e da qui può avere inizio la rinascita, non da Milano con la Borsa e la Finanza, né dalla Roma della politica. Basta solo una scintilla».

Scintilla che può essere «anche la nostra sfilata di oggi. L'importante è che si tratti di qualcosa capace di offrire un luogo di aggregazione», afferma Panconesi, anticipando che aprirà un altro negozio nel capoluogo toscano, «anche se solo il 5% del nostro fatturato di 150 milioni di euro è legato al retail fisico e il resto arriva tutto dall'online. Sarà in via della Mattonaia e contiamo di inaugurarlo nel giugno 2020».

Non sarà un punto vendita qualsiasi: ospiterà i brand di moda, «ma anche la collezione d'arte della mia famiglia, il beauty e il cibo. Abbiamo a disposizione 2mila metri quadrati, quindi creeremo anche un club per soli soci».

Niente quota associativa - il lasciapassare sarà dimostrare di condividere degli interessi - e niente barriere d'età: non si connoterà come un posto solo per i Millennials ma per tutti, al punto che il retailer vorrebbe associare anche gli anziani della casa di riposo di Montedomini

«Questo è un progetto per la città e per chi gravita a Firenze tutto l’anno, come gli studenti stranieri», conclude, accennando all'importanza dello scambio interculturale e intergenerazionale: «Oggi si parla tanto del valore della diversity, ma per me questo è da sempre un valore, nella vita privata e professionale. Il confronto generazionale qui da noi è sempre aperto. In azienda lavorano anche i miei figli. Annagreta, ad esempio, ha solo 23 anni e si è occupata dalla direzione creativa del sito, oltre a far parte del buyer team del womenswear lusso. Lei è nata con il pallino della moda, non come me, che ci sono finito quasi per caso, perché non sapevo cosa altro fare nella vita». Il testo integrale del Q&A è pubblicato sul numero 6 di Fashion (nella foto, Andrea Panconesi by Gioconda & August. Stylist Martina Finazzi, Giuditta Goffredo e Camilla Rumi. Grooming Angelo Nenna. Fashion coordinator Alberto Corrado).

an.bi.
stats