Prezzo di offerta 54,2 dollari per azione

Elon Musk: per accaparrarsi Twitter è pronto a sborsare 43 miliardi di dollari

Rimbalza sui media di tutto il mondo l’ultima mossa a sorpresa di Elon Musk: il ceo di Tesla e Space X, uomo più ricco del pianeta, vuole acquistare tutte le azioni di Twitter e togliere l’azienda dal mercato azionario, offrendo 54,20 dollari per azione. L’operazione gli costerebbe circa 43 miliardi di dollari.

Sul social Musk ha annunciato lapidariamente ai suoi follower «I made an offer». Ha poi precisato che in caso di rifiuto dovrebbe riconsiderare la sua posizione come principale azionista, dopo avere acquisito la scorsa settimana il 9,2% delle azioni.

Ora si spiega perché Musk due giorni fa abbia inaspettatamente rinunciato a entrare nel cda del social da più di 200 milioni di utenti attivi al giorno e 1,3 miliardi di iscritti, facendo paventare un divorzio lampo. In realtà, l’incarico comprendeva una clausola che non permetteva di superare il 14% circa di azioni della società, quindi l'ingresso nel consiglio di amministrazione avrebbe bloccato i suoi piani.

La reolica di Twitter è arrivata attraverso un comunicato in cui si dice che la proposta, «non vincolante e non sollecitata», è all'attento vaglio del cda già oggi, «per agire nel migliore interesse dell'azienda e di tutti gli azionisti».

Proprio sul social uno degli azionisti, il principe Al Waleed bin Talal Al Saud, proprietario della società saudita di investimenti Kingdom Holding Company, si è fatto sentire, non usando certo toni morbidi. Ha detto che l'offerta «non si avvicina all'intrinseco valore di Twitter, date le sue prospettive di crescita. Essendo tra i maggiori azionisti, e da più tempo, la Kingdom Holding Company e io opponiamo un rifiuto».

Intanto in pre-mercato i titoli di Twitter sono saliti dell’11,45% a 51,10 dollari per azione. Cedono invece l’1,33% quelli di Tesla, a 1008,81 dollari.

A cura della redazione
stats