Succede a Claudio Marenzi

Cirillo Marcolin è il nuovo presidente di Confindustria Moda

È Cirillo Marcolin il nuovo presidente di Confindustria Moda. Prende il posto di Claudio Marenzi, che ha guidato la federazione a partire dalla sua fondazione tre anni fa. Marcolin, che già ricopriva la carica di vice-presidente della Federazione, è stato votato all'unanimità dall'assemblea dei soci di Confindustria Moda riunitasi ieri, 20 luglio. 

La nomina, che avviene nella logica di alternanza della rappresentanza dei settori tessile-moda e accessorio e nella continuità di intenti e di progetti, è immediata.

L'assemblea di Confindustria Moda, che riunisce le associazioni delle oltre 67mila imprese che occupano più di 580mila lavoratori nel comparto tessile, moda e accessorio, ha inoltre nominato Ercole Botto Poala vicepresidente.

Sono inoltre stati confermati i due direttori generali della Federazione, con deleghe specifiche: Gianfranco di Natale, direttore generale di Smi, con delega agli Affari Istituzionali e Astrid Galimberti, che ricopre lo stesso ruolo in Anfao, con delega agli Affari Interni.

«Raccolgo il testimone con l'obiettivo di portare la crescita della Federazione in una nuova fase, nonostante un contesto complesso e sfidante come quello generato dalla pandemia globale nei mesi scorsi», è il commento di Marcolin.

L'assemblea si è riunita in un momento particolarmente delicato per l'industria del tessile moda e accessorio italiano. Da un lato l'andamento dei comparti rappresentati dalla Federazione nel 2019 è stato molto positivo, con un fatturato in progress a 97,9 miliardi di euro (+2% su base annua rispetto al 2018), un export pari a 67,8 miliardi di euro (in evoluzione del 6,8% rispetto all'anno precedente) e un saldo commerciale pari a 32 miliardi di euro (in miglioramento del 13,6%).

Dall'altro, i risultati dei primi mesi del 2020 sono stati fortemente influenzati dalla pandemia: secondo una ricerca del Centro Studi di Confindustria Moda, alla quale hanno aderito numerose aziende associate, nel trimestre gennaio/marzo 2020 il calo della raccolta ordini è stato superiore al 40%.

Ciò ha avuto ovviamente ripercussioni sia sulle quote di export, in riduzione del 9%, che sulla richiesta di ore complessive di Cig autorizzate dall'Inps per i settori aderenti a Confindustria Moda, che ha raggiunto la cifra record di circa 98 milioni.

L'assemblea ha tributato al presidente uscente Claudio Marenzi un lungo applauso e un sentito ringraziamento per l'impegno umano e professionale speso in questi anni per la nascita e la guida della Federazione, che è diventata oggi il punto di riferimento per migliaia di imprenditori e filiere produttive.

Salutato da un lungo applauso e da un sentito ringraziamento per l'impegno profuso nella nascita e la guida della Federazione, Claudio Marenzi ha dichiarato: «È con viva commozione che oggi passo il testimone a Cirillo Marcolin, con cui abbiamo lavorato insieme fin dal primo giorno per far nascere Confindustria Moda. Ci accomunano una visione di sistema, l'attenzione alla tutela di tutti gli attori delle nostre filiere e la sensibilità per fare in modo che Confindustria Moda sia sempre più unita e unitaria nel rappresentare il mondo del tessile-moda e accessorio italiano nel mondo».

c.me.
stats