Terza edizione del contest

Gli Altagamma Digital Awards a Burberry, Gucci, Dior, Bulgari, Moncler

Si è concluso ieri Focus on Digital Luxury, l’appuntamento annuale di Altagamma, dedicato alle trasformazioni digitali e alle performance dei brand online,  che ha visto salire sul podio cinque griffe del fashion luxury agli Altagamma Digital Awards, il contest realizzato con ContactLab.

Sono Burberry, Gucci, Dior, Bulgari e Moncler le maison che hanno trionfato alla terza edizione del premio, rivolto ai marchi che si sono contraddistinti nella leadership digitale. L’assegnazione dei riconoscimenti si fonda sulla Digital Competitive Map 2019, una metodologia di Digital Audit & Benchmarking elaborata da Contactlab, che analizza i fattori di successo digitale, considerando sia l’e-commerce che il retail fisico.

«Gli Altagamma Digital Awards intendono premiare i Best in Class nelle diverse categorie ma anche fungere da osservatorio annuale delle migliori practice -  ha commentato Stefania Lazzaroni, direttore generale di Altagamma - .  I consumatori (fra cui i Millennials cinesi, che rappresentano il 30%) si interessano al modo in cui i fashion brand veicolano online i loro valori e servizi».

Agli Award due sono state le categorie di premio assegnate: Migliore offerta digitale e Migliore relazione con il consumatore, in cui è stato segnalato per ciascuna il Best in Class e il Best Improver. In programma anche uno Special Award, dedicato a chi si è saputo imporre in termini di innovazione nel corso delle ultime tre edizioni.

Il Best in Class per la Migliore offerta digitale va a Burberry che si è distinto per la più ampia presenza e-commerce e per la vasta localizzazione di contenuti in lingua sul web, mentre Gucci vince per la Migliore relazione con il consumatore, grazie all’ottima navigazione nei supporti alla scelta dei prodotti, al rafforzamento dei servizi cross channel, alla varietà dei contenuti di digital direct marketing e all’introduzione della realtà aumentata nell’app del brand.

Dior invece si aggiudica il Best Improver, come migliore offerta digitale online intutte le categorie di prodotto, insieme a Bulgari e Moncler, saliti sul podio per la Miglior relazione con il consumatore (l’uno ha primeggiato con il customer service, l’altro nei servizi omnichannel offerti).

Sempre alla maison britannica Burberry viene assegnato il Special Award, per essere da tre anni al top dell’eccellenza digitale.

Come ha ribadito uno studio di McKinsey & Company, il mondo del lusso è al centro di una profonda rivoluzione digitale, che ha portato il valore delle vendite online a toccare 28 miliardi di euro nel 2018, una cifra destinata ad aumentare entro il 2025, raggiungendo i 65-85 miliardi di euro.

«Per far fronte alla digital revolution le griffe devono concentrarsi su quattro priorità: l’integrazione omnichannel, lo sviluppo dei canali e degli ecosistemi 2.0, la costruzione di uno storytelling efficace e l’uso dell’It per soddisfare i consumatori», ha concluso Antonio Achille, senior partner e global head of luxury di McKinsey & Company.

c.bo.
stats