Tra innovazione e sostenibilità

The Woolmark Prize: sul podio Richard Malone e Bode

Gran finale a Londra, in occasione della fashion week, per l'edizione 2020 dell'International Woolmark Prize, che ha premiato la creatività dello stilista irlandese Richard Malone. La statunintese Bode è stata invece la prima vincitrice del Karl Lagerfeld Award for Innovation.

 

Richard Malone ha creato una collezione che si ispira ai suoi studi nella contea di Wexford, composta da capi funzionali e rispettosi dell’ambiente, all'insegna della circolarità e della sostenibilità. Per questo si è avvalso della collaborazione di una tessitura di Tamil Nadu, in India, utilizzando coloranti completamente biologici a base vegetale e sperimentando inedite applicazioni della lana Merino.

 

Emily Adams Bode è stata invece la prima designer ad aggiudicarsi il Karl Lagerfeld Award for Innovation, che ha riconosciuto la sua creatività e capacità di innovare; qualità che hanno portato al successo anche Karl Lagerfeld in seguito alla vittoria del Woolmark Prize nel 1954.

 

La stilista, premiata da Carine Roitfeld, ha proposto soprabiti e completi riprendendo il tessuto delle coperte da equitazione, maglie jacquard in lana Merino interamente tracciabili e certificate da The Woolmark Company ispirate a trame e ricami degli anni Trenta e vestaglie realizzate da centinaia di fiori creati all’uncinetto, sempre in merino wool.

 

Oltre a Malone e Bode, i finalisti di quest’edizione erano A-Cold-Wall dall'Inghilterra, Blindness dalla Corea del Sud, Botter dall'Olanda, Feng Chen Wang, cinese di base a Londra, GmbH dalla Germania, Ludovic de Saint Sernin dalla Francia, Matthew Adams Dolan dagli Stati Uniti e Namacheko dal Belgio.

 

A esaminarli una giuria composta da Tim Blanks, Hamish Bowles, Sinead Burke, Edward Enninful Obe, Kim Jones, Takashi Murakami, Holli Rogers, Anja Rubik e Shaway Yeh.

 

Ogni designer ha realizzato una collezione interamente tracciabile grazie al sostegno e alla tecnologia della piattaforma Provenance, che consente di tenere traccia dell'origine dei prodotti permettendo di poterne valutare l'eticità e la sostenibilità, condividendo le informazioni e le storie relative a ciascun prodotto in modo sicuro, affidabile e accessibile e aprendo le porte dell’intera filiera al cliente, sia online che in negozio.

 

Da quest’anno i designer hanno avuto la possibilità di partecipare all'Innovation Academy di The Woolmark Company, il nuovo programma di tutoring e formazione che li ha supportati nella ricerca e sviluppo prodotto e che ha permesso loro di affrontare una crescita sostenibile del proprio business, nel rispetto della società e dell’ambiente.

 

Ogni finalista entrerà a far parte del gruppo di alumni, composto a oggi da oltre 400 designer, e potrà avere importanti opportunità commerciali offerte dai retail partner del premio, che metteranno in vendita le collezioni a partire dal prossimo settembre.

 

Richard Malone e Bode hanno ricevuto inoltre un premio in denaro pari rispettivamente a 200mila e 100mila dollari australiani

c.me.
stats