UN’ALTRA SFIDA PER L’IMPRENDITORE SERIALE

Ian Rogers lascia Lvmh per Ledger, startup degli hardware wallet

Passerà dagli eleganti uffici di Lvmh in Avenue Montaigne a quelli più modesti di Ledger in un quartiere di Parigi chiamato Silicon Sentier, crocevia di molte startup: è infatti di oggi la notizia che Ian Rogers lascerà il gruppo del lusso francese, dove lavorava dal 2015 come chief digital officer, per unirsi al team della società specializzata negli hardware wallet.

Un’altra avventura professionale per questo imprenditore seriale, 48 anni, sempre alla ricerca di nuove sfide nell’ambito della tecnologia: negli headquarters del gigante del lusso francese era approdato dopo l’esperienza in Apple, dove aveva lanciato il servizio di streaming di Apple Music, e guidato la radio Internet Beats1.

Laureato in Informatica presso l’Indiana University, ha debuttato nel 1993 come webmaster del sito dei Beastie Boys. In seguito ha creato Mediacode nel 2001, che è stato comprato da Yahoo!, di cui ha diretto la divisione musicale dal 2003 al 2008.

Durante la sua permanenza di cinque anni da Lvmh - prima esperienza nel segmento del lusso - ha guidato il cammino digitale della holding e supervisionato la creazione, nel 2017, del portale e-commerce del gruppo, 24 Sèvres, ribattezzato successivamente 24S.

Ora la sua mission in qualità di chief experience officer di Ledger sarà quella di gestire il business B2C della tech company, occupandosi di prodotti, marketing e vendite, contribuendo a espandere l’utilizzo delle criptovalute, oggi ancora di nicchia.

«Quando guardo questo settore, la privacy e la sicurezza, ho una sensazione simile che avevo riguardo alla musica nei primi anni 2000, all'inizio dell'era dello streaming", ha detto Ian Rogers in un'intervista, riportata dal Financial Times -. C'è un cambiamento inevitabile in arrivo, ma è proprio l'inizio, quindi non tutto sarà facilmente prevedibile. . . ma questi sono mercati in rapida crescita, quindi è qui che mi piace essere».

Secondo un recente report di ReportLinker quello degli hardware wallet è un mercato valutato 178,20 milioni di dollari nel 2019, con la prospettiva di superare i 660 milioni annui entro il 2025.

Una crescita che ha subito un’accelerazione soprattutto da fine 2017, nel momento in cui un gran numero di nuovi utenti hanno acquisito criptovalute e si sono posti il problema della loro conservazione. 

Fondata nel 2014, Ledger ha venduto circa 2 milioni di digital wallet in 165 Paesi e ha raccolto 87 milioni di dollari da investitori di venture capital, tra cui Draper Esprit e Samsung Ventures.

Il ceo Pascal Gauthier ha affermato che la società prevede di assumere più di 100 persone l’anno prossimo, per rafforzare la sua forza lavoro, oggi di 250 dipendenti, dislocati a Parigi, Vierzon e San Francisco.

«Vogliamo crescere portando nuove funzionalità alla tecnologia, per renderla più sicura e facile da usare – ha sottolineato -. Ho bisogno di aiuto per ampliare il business e portarlo al livello successivo, e Ian ha l'esperienza, la leadership, la visione e le capacità di gestione per raggiungere questi obiettivi».

a.t.
stats