Vincere in grande stile

Viviamo in tempi in cui gli equilibri si stanno spostando.
Mentre una volta i buoni affari si ripartivano su una moltitudine di piattaforme, marchi, intermediari e gregari, è apparsa oggi su ogni genere di mercato una nuova tipologia di giocatore.
Si tratta di soggetti che sono riusciti in brevissimo tempo ad adattarsi a condizioni competitive nuove, inedite, conquistando posizioni dominanti.
Il fenomeno è ormai ampiamente sdoganato anche nel mondo della moda. Tra marchi, negozianti e pure player online, assistiamo oggi a un numero relativamente esiguo di vincitori, a cui si contrappone una vasta platea di aziende che vivacchiano.
Esse difendono nella migliore delle ipotesi rendite di posizione, attraversano magari brevi momenti di gloria, ma non riescono a imporsi in questo nuovo ecosistema con il vigore che manifestarono agli albori della loro storia di successo.
Il perché è presto spiegato.
Nonostante gli scricchiolii evidenti, l’assetto geopolitico mondiale regge ancora, per ora impostato su una versione piuttosto estrema di turbocapitalismo, esacerbato dall’assenza di vincoli geografici e di barriere tra fisico e digitale.
L’élite economica e culturale affluisce, non per ultimo sotto forma della sua generazione più privilegiata, i famosi Millennial, negli hot spot più cool, spingendone il costo della vita a livelli esorbitanti, mai visti prima.
L’omogeneità di questo target, culturalmente in parte fittizia, ma economicamente del tutto veritiera, fa sì che chi ne interpreta il linguaggio e le esigenze nel modo più immediato ne coglie un dirompente, e travolgente, riscontro.
È il caso di realtà diverse ma in questo simili come Gucci, Off-White, Stone Island e Philipp Plein, a cui dedichiamo il nostro servizio di copertina. Sono loro i grandi vincitori del momento. Sanno incarnare lo spirito del cambiamento meglio di chiunque altro.
Questo non significa che non sia più possibile per altri trovare gli spazi per sfondare. Ancora la nuova frontiera del digitale è una cartina con parecchie macchie bianche.
Ma bisogna affrettarsi. Il necessario dispendio di risorse aumenta nella misura in cui i pionieri verranno seguiti da emulatori.
La finestra di tempo si sta chiudendo. Bisogna dunque avere un piano per arrivare a dominare la propria nicchia di riferimento.
Non è più sufficiente amministrare.
O si attivano piani di conquista.
O si rischia di soccombere.

Marc Sondermann 

Fashion Magazine 01/2019
stats