30 euro la stagione estiva

Pimkie venderà abiti di seconda mano “al chilo”

Anche Pimkie si converte al second hand ma si differenzia da altre insegne di abbigliamento per la modalità di vendita: avverrà “al chilo”, grazie a un accordo con il gruppo Eureka Fripe, specialista del settore con i marchi Kiloshop e Hippy Market

Come emerge dai media francesi, il progetto parte dal 19 maggio in alcuni shop transalpini (Parigi, Lione, Bordeaux e Rouen).

In vendita ci saranno capi di brand internazionali, non solo il marchio proprio. Si tratterà di pezzi unici, l’offerta sarà rinnovata di settimana in settimana e sarà differente in ogni negozio come emerge dalla pagina Facebook del sindacato Cfdt di Pimkie.

Quanto ai prezzi, si va dai 30 euro al chilo per la stagione estiva (da marzo ad agosto) ai 20 euro di quella invernale. Una bilancia sarà installata nel corner dedicato e alla cassa.

L’iniziativa, denominata Re Love, non prevede sconti né resi e se da un lato va nell’ottica di un consumo di moda più responsabile, dall’altro potrebbe essere un’idea per riportare in negozio i consumatori e dare un impulso alle vendite di Pimkie, che ha appena dichiarato bancarotta in Belgio e sta ristrutturando in Germania e Spagna.

In termini di fatturato, è previsto un 4% in più, +4,5% le stime per quanto riguarda il margine.

Se redditizio, il progetto in fase di sperimentazione potrebbe essere ulteriormente sviluppato ma solo negli store di ampie superfici.

e.f.
stats