682 marchi presenti

Pitti Uomo ai blocchi di partenza in Fortezza da Basso

È tutto pronto per il debutto dell’edizione 102 di Pitti Uomo, che torna da domani 14 giugno e fino al 17 giugno in Fortezza da Basso a Firenze nella versione pre-pandemia, su quattro giornate e senza la compresenza con Pitti Bimbo. Gli organizzatori schierano in campo 682 espositori e fanno leva su un parterre di ospiti speciali che annovera i nomi di Ann Demeulemeester, Grace Wales Bonner, Sapio e Soulland.

Tema di questo appuntamento è Pitti_Island, la metafora di un’isola in cui si incrociano operatori in arrivo da tutti i Paesi e dove si scoprono nuove idee. Un rimando al ruolo della rassegna e un concetto che ispira la campagna istituzionale, caratterizzando anche l’allestimento degli spazi in Fortezza.

Come si diceva, sono 682 in totale i marchi presenti, di cui 280 da oltrefrontiera (ossia il 41% del totale), accolti in cinque macro-sezioni.

Fantastic Classic rappresenta il classico nelle sue versioni più contemporanee; Dynamic Attitude propone un concetto di outdoor in cui sport e streetwear si incontrano; Futuro Maschile è un viaggio attraverso le evoluzioni del menswear contemporaneo; Superstyling pone l’enfasi sui canoni stilistici anticipatori delle nuove tendenze. Il percorso si completa con S|Style sustainable style, format sul menswear responsabile che si avvale del supporto di Unicredit (main sponsor della manifestazione) e che vede in pista un parterre di designer, attenti a produrre secondo criteri di eco-responsabilità.

Cinque sezioni in totale a cui si aggiungono due progetti internazionali, ossia il ritorno dell’area Scandinavian Manifesto in collaborazione con Revolver Copenhagen - dedicata all’innovazione che arriva dalla scena fashion nordica - e l’iniziativa a supporto dei designer ucraini, a cura della Fondazione Pitti Discovery, realizzata con il contributo speciale di Fondazione Cr Firenze.

Ancora sotto l’egida di Unicredit vengono riproposti i progetti all’Unicredit Theatre, dove durante la quattro giorni si alternano talk dedicati al tema della sostenibilità.

Come sempre la manifestazione si arricchisce di un programma di eventi speciali, che vedono sotto i riflettori, come annunciato in apertura, la guest designer Grace Wales Bonner e la guest of honour Ann Demeulemeester, accanto ai progetti speciali dedicati a Soulland e Sapio.

Tanti ancora gli appuntamenti speciali, tra cui gli anniversari di Roy Roger’s (70 anni), Wp Lavori in Corso (40 anni) e Antony Morato (15 anni). Focus anche sul debutto ufficiale di Incotex Blue Division (la linea denim realizzata in partnership con Giada), sulla nuova collezione di Robe di Kappa e sul mondo ecosostenibile di Ecoalf.

Tra gli highlight spiccano inoltre la colab di Pierre Louis Mascia con Diadora (da cui nasce un modello di sneaker), il comeback di Fila e gli special event di Superga e Bagutta, quest’ultimo alle prese con una fase di rinnovamento.

In parallelo con il salone fisico torna Connect, la fiera digitale che, facendo da controparte alla rassegna in Fortezza da Basso, propone format ed eventi esclusivi. Un’iniziativa in progress, che all’ultima edizione ha registrato un aumento del 96% delle visite e una notevole affluenza di buyer (12mila solo quelli logati), in crescita del 30% sull’edizione precedente e con il 36% proveniente dall’estero.

c.me.
stats