70mila metri quadri a Dorsten

Levi's rilancia sulla sostenibilità con un polo logistico in Germania

Si inaugurerà nell'aprile del 2024 il nuovo polo logistico di Levi Strauss & Co. a Dorsten, nella regione del Nord Reno-Westfalia. La costruzione è appena partita e sarà improntata alla sostenibilità, secondo i principi Cradle to Cradle, un concetto di design ispirato alla natura.

Il progetto è sviluppato in collaborazione con Delta Development Group e la città di Dorsten su un ex sito minerario in capo a Rag Montan Immobilien e vede il big del jeanswear internazionale impegnato in un contratto di locazione della durata di 20 anni.

La logica su cui si fonda l'approccio Cradle to Cradle comprende l'utilizzo di materiali non dannosi per la salute, la circolarità dei prodotti, le energie rinnovabili, il clima, la gestione dell'acqua e del suolo e l'equità sociale.

L'investimento di Levi Strauss & Co., spiega una nota, rivitalizzerà il sito dismesso e segnerà un importante step nella trasformazione economica dello stato della Renania settentrionale-Vestfalia verso lavori green e a prova di futuro.

Come ha spiegato Andreas Pinkwart, ministro dell'Economia, dell'Innovazione, della Digitalizzazione e dell'Energia dello Stato della Renania Settentrionale-Vestfalia in occasione dell'inaugurazione: «Circa 160 milioni di persone vivono entro un raggio di 500 chilometri nella regione. Ciò corrisponde a circa un terzo di tutti i consumatori all'interno dell'Unione europea. Nessun altro luogo in Europa è in grado di raggiungere un tale potere d'acquisto in una distanza così breve».

Il centro di distribuzione occuperà una superficie di 70mila metri quadri e creerà fino a 650 nuovi posti di lavoro a pieno regime. Fornirà al mercato europeo fino a 55 milioni di articoli da un'ampia gamma di proposte e supporterà la strategia omnicanale dell'azienda, rendendo Dorsten un luogo centrale nelle operazioni di Levi Strauss & Co.

«Questo è un grande passo per noi, uno step fondamentale della nostra strategia sia per continuare a far crescere la nostra attività in Europa sia per diventare più sostenibili in tutte le nostre operazioni», è il commento di Liz O' Neill, vicepresidente esecutivo e direttore delle operazioni di Levi Strauss & Co.

Il polo della logistica sarà costruito con principi di sostenibilità incorporati nel suo design ed è certificato dai più alti standard come Leed (Leadership in Energy and Environmental Design) e Well Health-Safety.

Come riferisce Torsten Müller, vice president distribution & logistics, Europa, Asia meridionale e Mena di Levi Strauss & Co., «la struttura sarà costruita e gestito sulla base dei principi di riciclo, conservazione delle risorse e zero rifiuti, con l'obiettivo di rendere l'impronta ecologica il più positiva possibile».

Il design rigenerativo modella l'industria costruita dall'uomo sui processi della natura. Quindi sarà costruito con cemento proveniente da fonti sostenibili e sarà dotato anche di un sistema di riscaldamento e raffreddamento geotermico, pareti con vegetazione, pannelli solari sul tetto e un tetto green, deposito di biciclette, caricabatterie per veicoli elettrici, un parco e strutture di riciclo avanzate.

c.me.
stats