A Barcellona

Denim PV in scena dal 18 maggio. Tra le new entry italiane, Larusmiani e Blue 1925

Tanto prodotto e tante novità ma anche molti spunti di riflessione su un settore che ha bisogno di ripensare le proprie strategie, anche alla luce della sostenibilità. In programma alla Fira Montjuïc di Barcellona, Denim Première Vision si prepara ad accogliere 95 espositori.

 

Ambientato in una Denim City, con tre quartieri per altrettante tendenze, il salone ospita il variegato mondo che ruota intorno alle tele indigo. Sul totale degli espositori, il 49% sono tessutai, il 16% produttori e lavanderie, il 20% orbitano nella sfera degli accessori, il restante 15% sono produttori di fibre, filatori, sviluppatori di tecnologie e realtà promozionali.

 

Proseguendo con le percentuali, il 74% delle aziende presenti viene dall'Europa e dal Bacino del Mediterraneo, il 21% dall'Asia (Giappone in primo piano) e il 2% dagli Stati Uniti più una piccola percentuale da altre parti del mondo.

 

Sono sette in totale i nuovi espositori, di cui cinque tessutai. Fra questi ci sarà Larusmiani, che lancia una linea di ispirazione denim, e Blue 1925, serie di tessuti per camiceria frutto del recente incontro tra Italdenim e Canclini.

 

True Denim è il tema portante della rassegna, ossia un percorso ideale che dall'essenza delle tele indigo e dal loro dna porta verso nuovi traguardi, per dare ispirazioni e spunti ai brand del settore e alla giovani generazioni di designer.

 

Emblematica la ricerca in senso tecnologico, come il trattamento antimacchia della start up Odo Denim, che promette jeans sempre blu e sempre puliti, senza bisogno di essere lavati, o come Selfination, il software basato su uno speciale algoritmo che consente di scegliere i jeans perfetti in base alla propria conformazione fisica.

 

Da non perdere il seminario nel corso del quale il tessutaio turco Calik Denim presenta i nuovi prodotti stretch performanti a base di Lycra.

 

Sempre viva l'attenzione alla sostenibilità, altro tema di grande attualità nel comparto. Il programma Smart Creation accoglie una serie di iniziative in collaborazione con Blue Lab, un consorzio di aziende del denim impegnate nella messa a fuoco di soluzioni pulite per l'industria del denim. Previsti anche quattro incontri moderati da Giusy Bettoni, consulente di Première Vision sul tema della sostenibilità.

 

stats