A Milano

Per i nuovi talenti di Super 6mila visitatori

La tre giorni di Super si è chiusa ieri, 28 settembre, a quota 6mila visitatori. Un numero che rimane stabile rispetto alle precedenti edizioni, così come è stabile la quota di presenze straniere, il 20%, in arrivo da 48 Paesi esteri.

 

La manifestazione, che nel panorama delle rassegne milanesi del womenswear si distingue per la vocazione allo scouting di nuovi talenti nel mondo degli accessori e del prêt-à-porter, ha visto visitatori in crescita da Svizzera, Olanda, Austria, Belgio, Corea del Sud, Israele, Libano, Paesi dell’area del Golfo e dell’Asia Centrale.


Fra i mercati stranieri al top in termini di visite, in testa resta il Giappone, seguito da Russia, Svizzera, Spagna, Germania, Francia, Belgio, Cina, Grecia, Corea del Sud, Gran Bretagna, Polonia, Hong Kong, Austria, Stati Uniti e Taiwan.
 

Nella composizione compessiva delle presenze internazionali l'Europa conta per il 40% mentre il 60% è rappresentato dai Paesi extra-europei, con l'Asia al top.

 

«Super conferma e rilancia la sua identità di contenitore ideale per lo scouting di novità nel mondo degli accessori e del prêt-à-porter, per la quale si è ricavato un ruolo ben preciso nello scenario degli appuntamenti della moda donna.

 

«In questi tre giorni - afferma Agostino Poletto, vice-direttore generale di Pitti Immagine - le nostre aziende hanno incontrato buyer di qualità, sia italiani sia esteri, con le idee chiare sul tipo di prodotto adatto ai loro negozi e con la volontà di fare ordini».

 

E ha proseguito: «I compratori ci hanno ribadito che la proposta moda di Super è assolutamente trasversale, fresca e orientata allo scouting di marchi e proposte in sintonia col mercato: una selezione equilibrata di accessori e collezioni di abbigliamento, tra brand affermati, nomi emergenti, capsule di ricerca e talenti da tenere sott’occhio».

 

stats