A PITTI UOMO

L’Agenzia Ice porta 14 delegati stranieri in Fortezza da Basso

14 delegati stranieri tra compratori, giornalisti e stilisti provenienti da Giappone, Usa, Hong Kong, Brasile, Corea, Cina e India, selezionati dall’Agenzia Ice in collaborazione con Pitti Immagine, prendono parte a questa edizione di Pitti Uomo.

Non a caso, all’inaugurazione insieme al presidente di Pitti Immagine, Gaetano Marzotto, e al presidente del Centro di Firenze per la Moda Italiana, Stefano Ricci, erano presenti anche il presidente dell’Agenzia Ice Riccardo Monti e il direttore generale  Roberto Luongo.

 “L’attenzione per l’internazionalizzazione, la ricerca, l’innovazione e la qualità di prodotto sono gli elementi qualificanti di Pitti Uomo – hadetto Monti - ed è per questo che l’Agenzia è lieta di rinnovare la collaborazione con gli organizzatori del salone, che prosegue ininterrottamente dal 2000”.

“La sinergia tra Ice e Pitti si arricchisce a ogni edizione di nuovi settori e Paesi di intervento, tra i quali vanno citati in particolare Brasile, Cina e India, che vedono la presenza di desk dedicati alla promozione delle rassegne organizzate dall’ente fiorentino.

Monti ha anche spiegato come l’Agenzia contribuisca alla selezione mirata di delegazioni straniere. “Quest’anno, in particolare, sono numerosi i buyer provenienti dal Giappone, Paese che suscita particolare interesse per il buon dinamismo delle nostre esportazioni di abbigliamento: l’Italia, tra le nazioni industrializzate, è il primo esportatore di abbigliamento e pellicceria verso il mercato nipponico, con una quota del 2,8% e tassi di crescita superiori al 13% nel biennio 2011-2012”.

 

stats