ACCORDI

Milano Unica e Cfda: «Con The Fabric Program avviciniamo gli stilisti americani ai tessitori italiani»

In occasione di Milano Unica New York, che si è chiusa ieri (26 gennaio), gli organizzatori della rassegna e il Council of Fashion Designers of America hanno presentato un’iniziativa comune: selezioneranno stilisti americani interessati a lavorare con produttori italiani di tessuti, al fine di creare materiali in esclusiva per le loro collezioni, e li aiuteranno in questo percorso.

 

Il progetto è stato battezzato The Fabric Program e i primi frutti si vedranno nelle collezioni dei designer per la primavera-estate 2017. Steven Kolb, ceo del Cfda, ne ha spiegato i dettagli durante il panel di discussione sui tessuti italiani lunedì scorso (25 gennaio) al trade show, che si è tenuto al Jacob K. Javits Convention Center.

 

Kolb ha fatto notare che i giovani stilisti americani visitano i produttori italiani e sviluppano con loro tessuti in esclusiva. Per sostenerli in questi viaggi, metterli in contatto con le migliori realtà e far progredire la loro conoscenza delle tecniche e dei metodi del made in Italy è stato creato The Fabric Program.

 

Ryan Roche e Gigi Burris sono i primi creatori, rispettivamente di abbigliamento femminile e di accessori, che beneficeranno dell’opportunità. Uno stilista del menswear sarà selezionato nelle prossime settimane. Ercole Botto Poala (nella foto), presidente di Milano Unica, si è detto molto orgoglioso di questa collaborazione con il Cfda e ha affermato che il programma mostrerà ai giovani talenti «the Italian way of craftmanship».

 

 

stats