ALLARME FALSI

Indicam: "In Europa il fatturato dei contraffattori cresce del 18%"

Non c'è solo l'evasione, ma anche la piaga dei falsi tra i fattori responsabili della non crescita del nostro Paese. È quanto emerge dall'assemblea annuale di Indicam (l'Istituto di Centromarca per la lotta alla contraffazione), che lancia l'allarme: nel 2011 il valore dei beni contraffatti in Europa è cresciuto del 18%, per un totale stimato pari a 1,3 miliardi di euro. Varata un'agenda-verifica in sei punti per sollecitare Governo e Commissione Europea.

 

"Si tratta di un fenomeno che non conosce crisi, anzi, che sembra essere contro-ciclico - dichiara Carlo Guglielmi, presidente di Indicam -. Così, mentre noi discutiamo di uno o due punti di Iva, i contraffattori la evadono tutta e danneggiano le imprese e i loro marchi. L'effetto ultimo è un ulteriore calo del Pil e del gettito fiscale".

 

Basta dare un'occhiata ai dati diffusi dalla Commissione Europea per rendersi conto di un'escalation alimentata dalla globalizzazione e dall'aumento del commercio online: in Europa il numero dei prodotti sequestrati nel 2011 si è incrementato di circa il 10% rispetto all'anno precedente, per un totale di 91.245 sequestri (+15%) e un valore stimato pari a 1,3 miliardi di euro (+18% sul 2010).

 

"Nella classifica dei marchi per i quali è stata maggiormente riscontrata la contraffazione attraverso i sequestri ce ne sono molti che, pur non essendo italiani, sono prodotti in Italia - aggiunge Guglielmi -. Eppure, mentre si rinuncia alla parola 'furbi' per gli evasori, non si capisce che la contraffazione racchiude in sé una forma ancora più perversa di ricatto all'equilibrio del sistema: un apparente sconto al consumatore, in cambio dell'evasione da tasse e oneri sociali e danni alle aziende che hanno investito risorse ingenti sul proprio marchio, che a loro volta si ripercuotono sui lavoratori, con un aumento della disoccupazione".

 

Alla luce di questi dati, durante l'assemblea Indicam ha stilato un'agenda articolata in sei punti chiave, il cui rispetto consenta di verificare l'effettivo impegno del Governo e della Commissione Europea in quest'ambito.

 

stats