ANTEPRIME

White Milano tra streetstyle, rock e artigiani del futuro

 

Si avvicina l'appuntamento con White Milano, salone in programma dal 22 al 24 giugno al Superstudio Più di via Tortona 27 con 125 brand uomo e donna, che tra le varie iniziative lancia la Wok Room, sezione dedicata ai marchi più gettonati dai fashion blogger, realizzata insieme a Wok Store. Tra gli eventi, atmosfere strong al concerto dei Quincey, per festeggiare la label Phonz Says Black (nella foto).

 

Questa realtà retail, nata nel 2009 da un'idea di Simona Citarella e Federica Zambon, propone in via Col di Lana, a due passi dai Navigli, una selezione di label avantgarde e ora mette il proprio know how a disposizione della kermesse guidata da Massimiliano Bizzi.

 

Aderiscono alla Wok Room 14 collezioni: Simona Vanth, KTZ, Bag'N'Noun, Baggy Port, Vice & Vanity, Lucio Vanotti, Tothem, 8000eyewear, Uppercut, SuTurno, Tidwatches, Norsk Mand, Wood'd e Julian Zigerli.

 

Come spiega il neo-direttore generale di White Milano, Francesca Cella, la collaborazione con Wok Store rientra in una strategia portata avanti dal salone soprattutto nell'ultimo anno, "per affermare la forte identità di una moda global, nata sulla strada, che i giovani sentono e conoscono attraverso canali alternativi, come la musica e i social media, ben lontani dalle logiche del fashion system".

 

Fra le 78 new entry al Superstudio Più spicca Tsumori Chisato - per la prima volta nel capoluogo lombardo con la preview della collezione ammiraglia, che sfilerà a Parigi in settembre -, ma anche l'inedita collaborazione tra Loden Tal e la interior designer londinese Allegra Hicks.

 

Da non perdere Descente Dual-Ism Project, Petar Petrov e Pure, la capsule di calzature prodotta da Ruco Line e disegnata da Jean Nouvel. E ancora, Cat's, Daks London, Roberto Collina, Care Label, CutuliCult, Riccardo Forconi e Ter et Bantine.

 

L'area A.I. Remove offre un close up sulle nuove leve dell'artigianato made in Italy, selezionate da Clara Tosi Pamphili: Bastit, Augusto Titoni, Emiliano Lazlo, Andrea Verdura, Alessandro di Cola e Soul Skin. In questo contesto, l'esposizione "No man's land" accende i riflettori sulle calzature Barbanera di Davide Dormino.

 

Alla voce beauty, accanto ad aficionados come Aqua Bland e Meo Fusciuni salgono alla ribalta realtà come Le Cult 1944 e Men's Heritage.

 

Il glam rock si ritrova nello stile di Phonz Says Black, in perfetta sintonia con le sonorità dei Quincey presso il Garden di White, domenica 23 giugno alle 18. Nella stessa serata va in scena un light dinner organizzato a Casa Atellani da Massimo Alba, che consolida così l'intesa con Bizzi.

 

Già il 22 giugno è fissato un importante appuntamento extra-fiera: alle 20, all'interno di ProgettoCalabianaMilano, in via Arcivescovo Calabiana 6, il White Triple Party si animerà con la sfilata del menswear di Fabio Quaranta, una mostra di Silvina Maestro (stilista uruguayana di stanza a Londra, finalista a Who Is On Next? di gennaio 2012) e la presentazione delle news di KTZ, a cura di Wok Store.

 

 

 

stats