Analisi

Credit Suisse consiglia prudenza sui titoli del lusso

In un report sul settore dell'alto di gamma diffuso oggi, 9 luglio, Credit Suisse consiglia prudenza sui titoli del lusso. «Rimaniamo "market weight" sui titoli del lusso nell'attesa che inizi la stagione delle trimestrali», commentano gli analisti della banca svizzera.


Gli esperti ritengono che il mercato abbia già scontato il rallentamento della crescita del giro d'affari delle principali società della moda e del lusso, guidato dalla performance in Giappone. In pratica nel secondo trimestre gli acquisti di beni d'alta gamma sono cresciuti, ma meno rispetto al primo trimestre, in Giappone, Europa, Cina, Hong Kong e Macau.



In controtendenza gli Stati Uniti, che sono saliti, ma questo trend non bilancia il rallentamento delle altre aree geografiche. Credit Suisse mette in conto un progresso del giro d'affari del settore in media del 7%, contro il +9% dei primi tre mesi dell'anno.



Anche i margini dei primi sei mesi dell'anno dovrebbero risultare sotto pressione, risentendo dell'andamento dei cambi. Secondo Credit Suisse questo non è il momento, come in passato, di entrare nel settore del lusso, ma di fare selezione.



Gli analisti della banca elvetica puntano sulle connazionali Swatch e Richemont. Invitano alla cautela invece su Lvmh. Hanno espresso il giudizio di 'neutral' su aziende italiane come Tod's, Ferragamo e Prada (quotata a Hong Kong), mentre hanno consigliato di sottopesare ("underweight") Cucinelli.

 

 

stats