Anteprime

Milano Unica apre agli stilisti e traccia la rotta per l’inverno 2014/2015

L'incipit è ripreso da “L'idiota" di Dostoevskij: "La bellezza salverà il mondo". Così Angelo Uslenghi, coordinatore della Commissione Stile di Milano Unica, ha annunciato oggi i nuovi trend del salone. Invitati per la prima volta oltre 150 tra designer, uffici stile e aziende di moda.

 

La press conference ha accolto anche i fashion magazine destinati al grande pubblico, per risvegliare l'attenzione del consumatore finale sul semilavorato, oltre che sul prodotto finito, proprio perché la moda non può esistere senza il tessuto.

 

Modificato radicalmente l’assetto delle direction indicate da Uslenghi: più che informazioni meramente tecniche, sono diventate suggestioni capaci di colpire l’immaginario degli operatori.

 

Per il prossimo inverno 2014/2015 il coordinatore ha individuato un claim accattivante: “Total Attraction” (nella foto il frontespizio del quaderno tendenze), un diretto riferimento alla frase del romanziere russo, per sottolineare il concetto di bellezza universale quale valore armonico attraverso cui soddisfare i bisogni dell'uomo. Due le macro-aree di riferimento per rinnovare l’estetica: “Aristocratic Trait” e “Barbarian Charm”, opposte ma convergenti, così come la cartella colori che ha una duplice chiave di lettura, per gamma e per cromatismi.

 

“Aristocratic Trait” si compone di aspetti diafani e vellutati, ma sfoggia pure richiami alle atmosfere romanzesche - Downton Abbey e Jane Austen - e nuance nivee. Tra i materiali indicati ci sono i voile opalescenti, gli effetti piumati dell’angora garzata, il panno di cashmere doppiato con il neoprene, i tessuti d’arredo preziosi e il tulle ricamato.

 

Per quanto riguarda “Barbarian Charm”, le atmosfere sono rurali e al contrario siderurgiche, con aspetti cromatici caotici, combinazioni aggressive, ma anche visioni notturne. Tornano le lane shetland, i tartan con aspetti delavati, le laminature ferrose, le chiazze di colore a spruzzo, le lacerazioni della stoffa e il look corvino.

 

Durante la conferenza sono stati anche anticipati il soddisfacente numero di adesioni raccolte finora per la prossima edizione di Milano Unica (in programma a Fieramilanocity dal 10 al 12 settembre) e il ritorno in fiera di alcune aziende storiche. Inoltre, la presenza dell’assessore alle Politiche del Lavoro, Moda e Design del Comune di Milano, Cristina Tajani, ha voluto sottolineare la forte collaborazione esistente tra l’ente pubblico e la manifestazione.

 

Antonella Martinetto, presidente di Moda In e membro del Comitato di Presidenza di Milano Unica, ha annunciato la prossima presentazione nell’Area Trend di opere di giovani artisti, selezionati in base alla loro attitudine con la moda. A Laura Ambrosi l’onore della prima esposizione.

 

stats