BILANCI

Fragranze fa centro: più visitatori e aumenti a doppia cifra dei buyer

Si è chiusa ieri, 14 settembre, alla Stazione Leopolda di Firenze la 12esima edizione di Pitti Fragranze, il salone-evento di Pitti Immagine dedicato alla profumeria artistica internazionale. In crescita i visitatori, con un exploit dall'estero.

 

Le presenze sono state complessivamente 3.350, contro le 3mila di un anno fa, tra cui 2.026 compratori (+21%). I buyer stranieri sono saliti a quota circa 560, mettendo a segno un +22%.

 

La classifica dei Paesi maggiormente rappresentati al salone è guidata dalla Francia (+78%), seguita da Russia (+65%, con un ottimo riscontro anche da Estonia, Lettonia, Armenia, Kazakistan e anche Ucraina), Germania (+57%), Spagna (+7%), Gran Bretagna (+20%), Svizzera (+50%), Emirati Arabi (a loro volta quasi al raddoppio) e Stati Uniti (+36%).

 

Soddisfacenti le adesioni da Corea del Sud, Singapore, Indonesia e dai mercati più importanti del Sud America. Segnali positivi dal fronte interno: il numero dei retailer italiani si è incrementato del 20%.

 

«Fragranze conferma e rilancia la sua proiezione internazionale - ha affermato Agostino Poletto, vice-direttore generale di Pitti Immagine - sia a livello di brand partecipanti, sia nella risposta degli operatori e dei rappresentanti dei migliori negozi e department store di tutto il mondo, che qui trovano tutto quello che c'è di nuovo nell'universo della profumeria artistica, insieme ai player più qualificati. I risultati non sono una sorpresa, ma la conferma che il lavoro che stiamo facendo e il percorso intrapreso sono quelli giusti».

 

Poletto ha sottolineato l'attenzione da parte dei non addetti ai lavori: «Nel giorno di apertura al pubblico - ha detto - gli appassionati di essenze alla Stazione Leopolda sono stati più di 1.100».

 

Tra gli eventi collaterali di maggior richiamo spicca «Verba olent. Viaggio nella letteratura del profumo», happening nato da un’idea di Silvia Bruno Ventre, che si è concretizzato in un percorso curato da Giovanna Zucconi, con il contributo di Sergio Colantuoni per l'allestimento. Da menzionare la partecipazione alla rassegna di Mane, realtà francese di respiro mondiale, per la prima volta partner di Fragranze e artefice di una presentazione d'impatto alla Leopolda.

 

Raffaello Napoleone, a.d. di Pitti Immagine, ha definito Fragranze e, per esteso, Firenze «una piattaforma esclusiva per parlare di cultura olfattiva oggi, occasione e contesto ideale per lanciare nuovi progetti, idee e input culturali».



 

stats