BILANCI

Salone del Mobile e design week superano se stessi

Edizione record per il Salone del Mobile.Milano, che ha chiuso i battenti a quota 434.509 presenze in sei giorni, +17% rispetto all'appuntamento del 2016, che includeva le stesse biennali di quest'anno, e +26% sul 2017. Non meno dinamico il circuito FuoriSalone, esteso dal centro alle periferie: durante la settimana sulla rete metropolitana di Atm hanno transitato 7,9 milioni di passeggeri, 700mila in più rispetto allo scorso anno.

 

Claudio Luti, presidente del Salone del Mobile, si è detto orgoglioso del successo della manifestazione e della qualità degli operatori intervenuti.

 

«Abbiamo vissuto un momento unico - ha affermato - in cui impresa e cultura diventano il modello virtuoso di un'Italia che funziona e dove sistema industriale e istituzioni procedono a passo sincrono, in nome di un fine comune».

 

La forte internazionalità è stata uno degli asset della rassegna: se il 27% dei 1.841 espositori proveniva dall'estero, i quasi 435mila visitatori rappresentavano addirittura 188 Paesi.

 

«Non posso che definire straordinaria questa 57esima edizione - ha puntualizzato Emanuele Orsini, presidente di FederlegnoArredo e di Federlegno Arredo Eventi -. Tutte le forze politiche incontrate in questi giorni hanno confermato la vicinanza a un settore cruciale per la crescita della nostra nazione, sottolineando la necessità di mettere in campo politiche industriali organiche ed efficaci, irrinunciabili per un pilastro del made in Italy che, da solo, vale il 5% del Pil».

 

Intanto gli organizzatori si mettono già al lavoro affinché la prossima tornata, dal 9 al 14 aprile 2019, registri risultati ancora più eclatanti.

 

Oltre il centro espositivo di Rho, nei giorni scorsi tutta Milano si è messa in moto per dare il meglio di sé, sfoggiando grandi e piccoli eventi ovunque, dagli storici palazzi di corso Venezia e dintorni all'Università Statale (dove la rassegna di Interni, House in Motion, prosegue fino al 28 aprile), dalle 5Vie a Brera, fino a zona Tortona, l'Isola, Bovisa e NoLo, il quartiere che gravita intorno a viale Padova.

 

Impossibile calcolare quante persone siano transitate per le varie location, ma il sito Fuorisalone.it riporta alcuni dati significativi: coloro che hanno consultato la guida dal 25 marzo a sabato 21 aprile sono stati quasi 2 milioni, con contatti da 143 Paesi.

 

Secondo la Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, la design week ha coinvolto nel capoluogo lombardo 23mila imprese nei comparti dell'indotto: metà attive nell'ambito di alloggi e ristorazione, un quarto nello shopping (con l'abbigliamento che pesa per il 50%) e un altro quarto nei servizi, in primis i trasporti, con il 70%. Gli addetti impegnati nella settimana del mobile sono stati 150mila.

 

La stessa Camera di Commercio si è inserita nel circuito del Fuorisalone, con un'iniziativa a favore di 13 startup del design e dell'industria 4.0 da tutta Italia, ospitate all'interno di Palazzo Giureconsulti in piazza Mercanti (nella foto, la spettacolare installazione Objets Nomades di Louis Vuitton a Palazzo Bocconi in corso Venezia 48, durante la quale è stata lanciata Les Petites Nomades, prima collezione di piccoli oggetti realizzati per la griffe da designer del calibro dei Fratelli Campana e Patricia Urquiola, solo per citare alcuni nomi).

 

stats