BILANCI

White Milano: la manifestazione a quota 15mila visitatori

Gli organizzatori di White sono soddisfatti: la manifestazione milanese ha registrato oltre 15mila visitatori, in linea con l'edizione di febbraio 2012, "con una costante presenza dei migliori negozi e department store internazionali".

 

Sono state numerose le novità introdotte dalla fiera, in primis sul fronte logistico: con l'aggiunta dei due piani dell’Hotel Nhow, White ha infatti potuto contare su tre aree espositive in via Tortona 27, 54 e 35, tenendo anche a battesimo White Suite, che ha accolto 56 marchi e un guest designer, Andrea Provvidenza, artefice del successo del brand Lodental.

 

Con 600 giornalisti internazionali accreditati e 417 espositori (+20%rispetto all’edizione di febbraio 2012), il salone ha puntato sull'eccellenza del prodotto italiano (101 new entry sono aziende del Belpaese), senza trascurare nomi dalla visibilità internazionale, tra cui Zucca e Opening Ceremony.

 

Tra i plus di questo appuntamento, vanno ricordati A.I. Remove, che ha portato a Milano 18giovani artigiani, e Inside White (l’area dedicata alle imprese che sono sul mercato da poche stagioni), che ha raddoppiato il numero degli espositori. Tra questi, Astrid Sarkissian, la venticinquenne neo-designer parigina premiata da Beppe Angiolini (presidente della Camera dei buyer italiani e numero uno delle boutique Sugar di Arezzo) con l'Inside Award.

 

Il carattere internazionale di White, sottolineano i curatori, è confermato anche dalla scelta di un’importante struttura commerciale come Six London Showroom, che ha puntato su Milano e sul salone di via Tortona per svelare le novità per il prossimo inverno.

 

Last, but not least, per valorizzare l’eccellenza hand made del prodotto nazionale Whiteha organizzato(in collaborazione con Altaroma)la mostra "Be Blue Be Balestra-A Homage To Renato Balestra" (nella foto), allestita domenica 24 febbraio negli spazi del neonato hub ProgettoCalabianaMilano, con il tributo di 18giovani designer, che hanno realizzato altrettanti capi e accessori blu-Balestra.

 

 “Il nostro grande lavoro di scouting ha dato ancora una volta i suoi frutti - dichiara Massimiliano Bizzi, fondatore di White - portando a Milano sempre nomi nuovi, ma anche tanta energia positiva della quale abbiamo bisogno. Sono soddisfatto per i risultati ottenuti dal salone in tutti e tre i suoi punti nevralgici e del dialogo che si èaperto con le istituzioni, fiducioso che da questo confronto possa nascere qualcosa di positivo per la città”.

 

stats