CALZATURE

Al via domenica TheMicam, un salone che diventa sempre più trademark

Parte domenica una nuova edizione di Micam o meglio di TheMicam, come il salone milanese della calzatura ha scelto di chiamarsi, nell’ottica di una svolta che punta con grande determinazione all’internazionalizzazione, grazie al varo di appuntamenti fieristici all’estero.

 

Di questo si è parlato soprattutto alla conferenza stampa di oggi al Micam Point di piazza Liberty, senza tralasciare numeri e novità della tornata al via nei padiglioni di Rho.

 

Il salone milanese, leader al mondo nel presentare le collezioni di calzature di fascia medio-alta, schiera infatti dal 3 al 6 marzo 1.538 aziende, di cui 961 italiane, su una superficie di 68mila metri quadri. Mantiene dunque i numeri di sempre, nonostante la crisi. “Le uniche case che non hanno confermato sono quelle che hanno chiuso”, ha sottolineato Cleto Sagripanti, presidente di Anci e TheMicam, passando poi a elencare i temi vitali per il settore, ai quali la politica continua a non dare risposte.

 

Ha parlato della battaglia in Europa a favore del made in (di cui solo tre europarlamentari come Muscardini, Susta e Rinaldi si stanno accupando), dell’Irap, una tassa che grava pesantemente sulle manifatture, e sulla necessità di ridurre il cuneo fiscale. “Alleggerendo le imposte diventeremmo competitivi e molte realtà riporterebbero la produzione in Italia”, ha affermato il presidente dei calzaturieri. Defiscalizzazione degli investimenti in ricerca e sviluppo e sostegno all’internazionalizzazione delle imprese completano il quadro degli interventi che il settore chiede a gran voce ai neoeletti della politica, verso i quali non sono mancati gli accenti polemici durante l’incontro.

 

A illustrare il piano di espansione all’estero del brand TheMicam ha pensato Enrico Pazzali, amministratore delegato di Fiera Milano, partner di Anci in questo ambizioso progetto. “Le fiere vanno intese come strumento di politica industriale e per questo stiamo lavorando al fianco di Anci per portare l’eccellenza di una salone come TheMicam nel mondo: un percorso necessario, quello dell’internazionalizzazione, considerata la crisi dei consumi interni”, ha detto. Il primo appuntamento si realizzzerà in Cina dal 9 all’11 aprile con TheMicamShanghai, cui partecipano 230 espositori, di cui il 50% italiani. Ma Anci e Fiera Milano pensano anche a una trasferta negli Usa, presumibilmente a Las Vegas, e a trasformare all’insegna del marchio TheMicam una collettiva che già si tiene in Russia.

 

Le rassegne all’estero serviranno ad amplificare la notorietà di TheMicam di Milano, la piattaforma clou del comparto, in grado di attirare nel capoluogo lombardo 36mila visitatori ogni stagione. In vista dell’imminente prova sono stati rafforzati i servizi a espositori e compratori, attraverso desk negli aeroporti di Linate e Malpensa e in fiera, incaricati di assistere gli operatori. Disponibili anche aree wi-fi gratuite, dove poter scaricare la app di The Micam. Si segnala inoltre lo spostamento del settore dedicato alle calzature per bambini dal padiglione 10 al 4: qui sarà presente un progetto di animazione-spettacolo. Da scoprire, infine, lo spazio “La fonte delle idee” dedicato agli uffici stile all’interno della lounge in corso Italia e l’area dedicata al Consorzio Vero Cuoio per la diffusione del marchio Cuoio di Toscana.

 

 

stats