CALZATURE

TheMicam accusa cali. Pilotti rilancia puntando su date e immagine

L’80esima edizione di TheMicam si è chiusa venerdì con un bilancio di 30.801 visitatori, di cui 16.480 stranieri. In tenuta le presenze da Far East, Middle East, Stati Uniti ed Europa, a esclusione della Francia, mentre sono in considerevole calo i buyer russi, come già previsto alla vigilia della fiera della calzatura.

 

Defezioni anche dal Giappone e soprattutto dall’Italia, che continua a risentire di un mercato interno in forte difficoltà.

 

«La manifestazione, pur risentendo della crisi internazionale, continua a essere un punto di riferimento a livello globale – afferma Annarita Pilotti,  neo presidente di TheMicam - e questo è merito degli imprenditori, che eroicamente continuano a investire in creatività e innovazione nonostante il contesto non facile».

 

«Stiamo lavorando a un progetto di rinnovamento di TheMicam – aggiunge - che ci auguriamo possa vedere la luce alla fine del prossimo anno, nel quale daremo particolare risalto alle eccellenze del made in Italy. Abbiamo inoltre ridefinito il posizionamento del salone nel calendario per il secondo semestre. Le date per il 2016 saranno dal 14 al 17 febbraio, da domenica a mercoledì, e dal 3 al 6 settembre, quando il posizionamento sarà da sabato a martedì: ci auguriamo che il ritorno a settembre e la presenza della domenica possano riportare le presenze italiane che sono mancate in questa edizione».

 

Valutata positivamente dagli organizzatori la sinergia messa in campo in questa edizione con Mipel sulla pelletteria.

 

 

stats