CHILDRENSWEAR

I buyer russi ritornano a Pitti Immagine Bimbo

Una ventata di fiducia per la moda infantile made in Italy arriva da Pitti Bimbo. L’84esima edizione del salone fiorentino si è chiusa sabato, 21 gennaio, con compratori esteri in aumento e con la Russia che, con un +10%, torna in testa alla classifica dei buyer stranieri.

 

In salita anche le presenze da Germania (+14%), Regno Unito (+12%), Nord Europa, Cina (+7%), Turchia (+5%) e Medio Oriente. Gli italiani in leggero calo.

 

Il bilancio finale parla di oltre 6.700 compratori, di cui più di 2.400 in arrivo da oltre 60 Paesi esteri. Complessivamente si è superata in Fortezza la soglia dei 10mila visitatori totali.

 

«I numeri e i feedback di questo Pitti Bimbo confermano il suo ruolo di riferimento, sia per i big brand del settore che per il lancio in anteprima di nuove collezioni for kids, che sono state davvero tante a questa edizione - commenta Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine -. Il salone ribadisce nel contempo il suo essere straordinario incubatore di tendenze, che ancora una volta investe su ricerca e trasversalità».

 

 

 

stats