CINA

Occhi puntati su Shanghai, per la prima volta con tre eventi made in Italy

Ensemble di saloni al via domani (18 marzo) per la prima volta a Shanghai. Nella nuova struttura a forma di quadrifoglio del National Exhibition and Convention Center nel Qingpu District va in scena Chic, con al suo interno le collettive dalla Penisola TheMicamShanghai sulle calzature e la novità Italian Fashion@Chic sull’abbigliamento e gli accessori. Nelle stesse date e nella stessa location si tengono anche Intertextile sui tessuti, insieme a Milano Unica China.

 

Mai prima d’ora si era realizzata una simile concentrazione di eventi espositivi in Cina, con in primo piano le produzioni italiane, schierate in modo sinergico e compatto.

 

Per l’occasione sarà presente all’evento Carlo Calenda, vice ministro allo Sviluppo Economico, grande fautore di una riscossa del made in Italy, attraverso una presenza coordinata agli appuntamenti internazionali.

 

Impressionanti i numeri di Chic: una superficie espositiva di 108mila metri quadri, la partecipazione di 1.042 brand da più di 21 Paesi, tra cui Australia, Belgio, Brasile, Canada, Hong Kong, Taiwan, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Corea, Malesia, Perù, Spagna, Turchia, Gran Bretagna e Usa.

 

Tra gli show nello show si segnalano i già citati TheMicamShanghai e Italian Fashion@Chic nel padiglione 6.1, ma anche Korea: Preview in China nel 6.2, Chic - Young Blood nel 5.1 e, infine, PH Value nel 6.1.

 

La Spring Edition 2015 di Intertextile Shanghai Apparel Fabrics (un salone di Messe Frankfurt) conta 2.600 espositori da 24 nazioni, su una superficie di 100mila metri quadri. Le produzioni europee sono di stanza nell’area SalonEurope del padiglione 7.2, dove trova spazio anche Milano Unica China.

 

Tutte le manifestazioni chiudono i battenti venerdì 20 marzo.

 

 

stats