CONTRAFFAZIONE

Il Tribunale di Shanghai dà ragione a Bonaveri

Nella controversia tra la società di manichini Bonaveri e Shanghai Chunfa Mannequins, accusata di plagio, il Tribunale di Shanghai ha dato torto al proprio concittadino. Il produttore cinese è stato condannato a distruggere le copie e a risarcire l'azienda italiana.

 

Tutto è iniziato quando Bonaveri si accorge che una delle proprie collezioni di maggiore successo, il manichino della serie Schlappi 2200, viene copiata e immessa sul mercato a opera del player della Repubblica Popolare.

 

Dapprima la società di Cento (Fe) mette in mora la ditta cinese, rivendicando la proprietà intellettuale esclusiva dello Schlappi, ma Chunfa rispedisce le accuse al mittente, sostenendo di aver sviluppato in proprio il modello, "che per puro caso assomiglia a quello di Bonaveri".

 

Quest'ultima passa allora alle vie legali con lo studio Gwa-Shanghai. Il Tribunale di Shanghai chiede alle due parti di documentare l'intero processo creativo che ha portato alla progettazione, allo sviluppo e alla produzione del manichino, ma mentre Bonaveri fornisce materiale inconfutabile che attesta la paternità di Schlappi, Shanghai Chunfa Mannequins non riesce a portare prove, dovendo alla fine ammettere il plagio.

 

Al termine di un breve dibattimento (la causa è durata sei mesi), la sentenza: la corte cinese ordina a Chunfa di distruggere tutti gli stampi e i manichini contraffatti in stock e di risarcire Bonaveri con 10mila yuan (1.200 euro) per violazione del copyright detenuto dall'azienda italiana.

 

“Nonostante il valore simbolico della sanzione, si tratta di una sentenza molto importante perché il giudice ha fatto valere chiaramente il diritto di copyright di una società straniera e perché ha imposto l’inversione dell’onere della prova sul contraffattore – osserva Giovanni Pisacane, avvocato dello studio Gwa-Shanghai–. L’altro aspetto interessante sotto il profilo giuridico cinese è che la corte ha riconosciuto il valore dell’attività di ricerca e sviluppo svolta da Bonaveri per realizzare il suo manichino”.

 

stats