CONVEGNI

Kiki Lab: "Serve una nuova bussola per orientare il retail e sfidare la crisi"

I nuovi clienti, i nuovi canali di vendita, le nuove sfide per la distribuzione: questi i temi-chiave che hanno fatto da filo conduttore al convegno organizzato oggi da Kiki Lab, società di consulenza e ricerca specializzate nel retail e rappresentante in Italia del gruppo globale Ebeltoft Group.

 

L'evento, condotto e moderato da Luigi Rubinelli, direttore di RetailWatch, è partito dalla constatazione di una verità ormai assodata: "Non esistono più i canali di vendita di una volta", facendo riferimento al gap sempre meno marcato tra fisico e virtuale, fra brand e retail. "Categorie di riferimento - ha spiegato Rubinelli facendo ricorso a numerosi esempi - che in futuro tenderanno a omogeneizzarsi sempre di più".

 

Partire dall'analisi del nuovo consumatore e delle nuove dinamiche di consumo, sempre più improntate alla cross-canalità, rappresenta da questo punto di vista la conditio sine qua non per ripensare l'approccio distributivo, in uno scenario macroeconomico depressivo e penalizzante. "Una parte della crisi - ha detto Fabrizio Valente, partner fondatore di Kiki Lab-Ebeltoft Italy - è dovuta proprio al ritardo con cui il retail si sta evolvendo rispetto ai cambiamenti dei clienti". "Serve una nuova bussola - ha proseguito - capace di orientare gli operatori in un mercato da segmentare più in chiave di situazioni di acquisto, piuttosto che in tipologie di consumatore".

 

La "bussola" suggerita da Kiki Lab incrocia infatti le situazioni di acquisto "razionali-emozionali" con quelle "fast-slow", in modo da mettere a fuoco e assecondare in maniera mirata le aspettative della clientela di oggi. Risultato: a livello macro, soprattutto nel mass-market, stiamo assistendo al "passaggio a Nord-Ovest", come l'ha chiamato Valente, con un incremento delle circostanze di consumo caratterizzate da poco tempo a disposizione e da un approccio all'acquisto più ragionato e razionale. Una tendenza che, pur nel rispetto del target e del posizionamento delle diverse insegne, può suggerire nuove formule nell'offerta, nei servizi e nel layout dei negozi, conclude Valente.

 

Oltre alla relazione sull'evoluzione dello scenario retail di Kiki Lab, il convegno ha ospitato alcune testimonianze aziendali, come quelle di Leroy Merlin, Conad Italia, Marco Polo Expert e Vision Group, che hanno evidenziato i loro diversi asset nel rapporto con i consumatori e le differenti strategie per fidelizzarli.

 

stats