Classifiche

Brand Finance: sul podio per l'apparel Nike, H&M e Zara

Nike ancora in vetta alla classifica sui "most valuable brands of 2017", stilata da Brand Finance, per quanto riguarda l'abbigliamento. Il valore di capitalizzazione del marchio è passato da 28 a quasi 32 miliardi di dollari, con un rating AAA+. Al secondo e al terzo posto, sempre con specifico riferimento all'apparel, due giganti del fast fashion, H&M e Zara.

 

Nike è stato premiato anche tra i "10 most powerful brands": primo è Lego, secondo Google e terzo è appunto il marchio dello "swoosh", che precede Ferrari.

 

Medaglia d'argento nell'apparel per H&M (valore 19 miliardi di dollari, balzato dal 73esimo al 64esimo posto della classifica generale), mentre il bronzo va a Zara (stimata 14,4 miliardi), il cui balzo in avanti del 43% - da 115esima a 90esima nella classifica generale - è da attribuire principalmente all'estrema flessibilità nell'adattare gli assortimenti alle più disparate circostanze, cambiamenti climatici compresi.

 

Il lusso si piazza quarto nell'abbigliamento con Louis Vuitton. Le posizioni dalla quinta alla decima sono occupate da Adidas, Uniqlo, Hermès, Rolex, Gucci e Cartier.

 

Marc Jacobs è considerato da Brand Finance il marchio che sta crescendo più rapidamente (+84%), grazie a una drastica ristrutturazione che sta a quanto pare dando i suoi frutti.

 

Lo tallona un nome sconosciuto ai più in Occidente, Anta: una label cinese di sport e footwear, valutata 2 miliari di dollari e in forte ascesa (nella foto, un'immagine tratta dall'account Instagram Nike Women).

 

stats