Commenti

Raffaello Napoleone: «Sarà il mercato a giudicare il Grand Slam di Müller»

Raffaello Napoleone, a.d. di Pitti Immagine, commenta il "Grand Slam" di Karl Heinz Müller, che dal prossimo gennaio riporta il Bread&Butter a Barcellona, anticipando le date della manifestazione dall'8 al 10 del mese. «Mi sembra una scelta estemporanea. Vedremo quali saranno i risultati».

 

 

La mossa a sorpresa di Müller sovverte gli equilibri raggiunti solo pochi mesi fa, che avevano portato a comporre una scacchiera fieristica frutto di decisioni condivise. In base agli accordi, doveva essere London Collections: Men ad "aprire le danze", dal 10 al 12 gennaio gennaio 2015, seguita dal 13 al 16 da Pitti Immagine Uomo a Firenze, dal 17 al 20 dalle sfilate di Milano e, dal 21 al 25, dalla Paris Men’s Fashion Week.

 

Inizialmente Bread&Butter aveva scelto di posizionarsi dal 20 al 22 di gennaio per evitare l'accavallamento con Pitti Uomo, ma andando di fatto a sovrapporsi di un giorno alle passerelle meneghine e di due alla settimana della moda parigina. Oggi il colpo di scena, con l'annuncio delle nuove date e del cambio di sede.

 

«Di sicuro - prosegue Napoleone - sono scelte che non evidenziano una situazione di grande positività per la rassegna. Solo poche stagioni fa Müller aveva lasciato il capoluogo della Catalogna perchè la formula aveva esaurito la sua forza espansiva. E ora decide di farvi ritorno. Nel frattempo parla del lancio di un nuovo appuntamento a Seoul, mentre prima ancora citava Istanbul...».

 

E conclude: «Noi facciamo bene il nostro lavoro e continueremo a farlo, mantenendo la nostra identità. Bread&Butter ha un ambito ben preciso, che è il mondo dell'informalwear. Noi invece diamo spazio alla moda maschile nella sua totalità».

 

stats