Digital

E-Pitti.com crescerà del 5%, anche grazie a Ready-to-Order

Sempre più operatori riconoscono l'importanza delle fiere online di e-Pitti.com: giunta alla 13esima edizione, la piattaforma si conferma valido assist per le manifestazioni fisiche Pitti Uomo, Bimbo e Filati, a cui ha apportato un +15% di visitatori certificati all'edizione dello scorso giugno. In progress la app Ready-to-order. E cresce il giro di affari.

 

Come ha sottolineato l'a.d. di Pitti Immagine, Raffaello Napoleone, nel corso della conferenza stampa di presentazione dei risultati del progetto, tenutasi oggi, 17 ottobre, a Milano: «Siamo arrivati alla tredicesima edizione con numeri significativi. Nell'arco dei sette anni di vita di e-Pitti.com sono stati in totale 17mila gli espositori e 48mila aziende compratrici, un numero quest'ultimo che va moltiplicato per i due/tre buyer fisici che intervengono per ognuna».

 

«Il digitale è l'ancella della fiera fisica - ha puntualizzato Francesco Bottigliero, ceo di e-Pitti.com -. Un canale oggi imprescindibile e fortemente integrato con la parte tradizionale dell'organizzazione fieristica che ha permesso a Pitti Uomo, Pitti Bimbo e Pitti Filati di ampliare il bacino dei compratori professionisti del 15%: persone che hanno scelto le rassegne online, che si svolgono nell'arco di 11 settimane, al posto di quelle fisiche».

 

Ma ci sono anche dei compratori (il 7%), che completano l'esperienza fisica con quella digitale, ha tenuto a precisare Anna Mazzer, head of marketing and digital di e-Pitti.com.

 

La piattaforma ha registrato un totale di 1.355 brand espositori, ossia il 90% dei presenti alle tre manifestazioni, con 926 aziende per l'uomo, 356 per il bimbo e 73 per i filati.

 

Sono 109 i Paesi di provenienza dei visitatori, in primo luogo dall'Italia, che rappresenta il 60% del totale, seguita da Giappone, Spagna, Germania, Stati Uniti, Regno Unito, Turchia, Russia, Francia e Netherlands. Significativa la percentuale di accessi da mobile, con il 31% di visite da smartphone, l'8% da tablet e il resto da desktop.

 

Evolve, come è stato sottolineato nel corso della conferenza stampa Ready-to-order, la app di raccolta ordini su iPad, nata per le piccole realtà ma apprezzata anche dalle più grandi. La volta scorsa sono state in totale 66 le collezioni presenti, per un totale di 1.700 transazioni, ossia 4 milioni e mezzo di ordini raccolti.

 

Come ha sottolineato Bottigliero, grazie soprattutto ai risultati della app Ready-to-order, E-Pitti.com - cui fa capo anche il progetto Decoded Fashion, vedi news di oggi - dovrebbe archiviare il fiscal year 2017 (chiuso il 30 settembre scorso) in crescita del 5%, a quota un milione e 600mila euro.

 

«Le nostre tre creature - ha puntualizzato - sono in ordine di grandezza le fiere online di e-Pitti.com, seguite da Decoded Fashion (vedi news di oggi) e dall'ultima nata, Ready-to-order».

 

 

stats