Estate 2016

Saldi: «Ottimi affari per i consumatori, un po’ meno per i negozi» dice Borghi

Al via i saldi in tutta Italia da domani, 2 luglio. L’Ufficio Studi di Confcommercio stima che ogni famiglia spenderà in media per abbigliamento e calzature circa 232 euro, pari a 3,6 miliardi di euro (in linea con il 2015). «Ottimi affari per i consumatori, un po’ meno per i negozi» commenta Renato Borghi.

 

«Per la prima volta - sottolineano da Federazione Moda Italia - l’avvio dei saldi risponde alla nostra richiesta di avere una data unica a livello nazionale, anche per evitare fenomeni di distorsione di concorrenza tra imprese nei diversi territori».

 

«Speriamo che le tante chiacchiere, l’agitazione e le molte ansie create intorno alle conseguenze della Brexit - afferma Borghi, presidente di Federazione Moda Italia e vicepresidente di Confcommercio - non vadano a penalizzare un clima di fiducia delle famiglie italiane, che già non è al massimo».

 

«I consumi ancora deboli in stagione e le condizioni meteo non favorevoli hanno determinato una forte disponibilità di invenduto - aggiunge -.  Per questo i consumatori avranno ampia possibilità di scelta».

 

«A noi operatori – continua il presidente - questi saldi di “fine stagione” (in realtà a stagione estiva appena iniziata) speriamo possano portare liquidità per far fronte alle scadenze con i fornitori. Certamente non si tradurranno in margini».

 

«In sostanza - conclude - si tratta di un ‘brodino’ per un paziente ancora convalescente».

stats