IN ZONA TORTONA

White Milano al via con un 20% in più di adesioni

Le premesse sono buone: il numero di espositori di White, dal 23 al 25 febbraio in zona Tortona, sfiora quota 420 e progredisce del 20% rispetto a un anno fa. Inoltre viene inaugurata una nuova sede, oltre a quelle abituali ai numeri 27 e 54 di via Tortona: si tratta dell'hotel Nhow, al civico 35, dove trovano spazio le circa 60 realtà di White Suite.

 

Il Superstudio Più, in via Tortona 27, ospita le label di ricerca e d'avanguardia tra le quali, con il ruolo di special guest, Zucca, fondata nel 1988 a Tokyo da Akira Onozuka (già assistente di Issey Miyake). L'ex Ansaldo, sulla stessa strada al civico 54, si connota come "casa" delle proposte sport-style e delle aziende esordienti di Inside White, passate da 27 a 50 in un anno. In questo building viene allestito un info point sugli appuntamenti dedicati ai runner, che animano fino al 26 febbraio il Flyknit Club di Nike in piazza Gae Aulenti.

 

Attesa per l'esordio della nuova location al Nhow, uno dei design hotel più noti del capoluogo lombardo, dove la "prima volta" di White Suite sancisce l'apertura della kermesse guidata da Max Bizzi a uno stile new classic. Le novità per White - che presenta anche i profumi di nicchia, nella sezione White Beauty - non finiscono qui: prosegue infatti la collaborazione con A.I. Remove (progetto ideato e curato da Clara Tosi Pamphili insieme a Simonetta Gianfelici in seno ad AltaRoma, il cui obiettivo è promuovere le nuove leve dell'eccellenza italiana), che sfocia nella presenza di 15 "paladini" del fatto a mano al Superstudio Più.

 

Da non perdere, domenica alle 20.30 nella struttura del ProgettoCalabianaMilano in via Calabiana 6, l'happening Be Blue Be Balestra, un omaggio allo stilista da parte di una ventina di giovani designer, già andato in scena in forma più ridotta durante l'alta moda capitolina (nella foto di Emiliano Ceccarelli e Luca Sorrentino).

 

stats