INAUGURAZIONE PITTI UOMO

Marzotto: «Questa sarà l'edizione dei record, speriamo anche nelle vendite»

La moda Made in Italy cambia marcia e punta con decisione a superare la crisi. Il nuovo clima, più propositivo, si è visto chiaramente questa mattina all'inaugurazione di Pitti Uomo numero 88, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Presente anche il ministro allo Sviluppo Economico Federica Guidi.

 

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha espresso ottimismo parlando di una «edizione dei record»: «Pitti - ha detto - è sempre più internazionale: il 43% degli espositori arriva dall'estero. Questo è il segno di una fiera e di una città globali».

 

Il ministro allo Sviluppo Economico, Federica Guidi, ha ribadito l'impegno del Governo per il piano straordinario a favore del Made in Italy, con 45 milioni di euro destinati a spingere l'attività fieristica. «Di questi - ha precisato - 18 milioni vanno alla moda, ma ci impegneremo a rivedere al rialzo il budget, tenendo conto che qui c'e' certamente una delle straordinarie eccellenze che il nostro Paese».

 

Dal canto suo, il presidente di Smi (Sistema Moda Italia) Claudio Marenzi ha confermato la previsione di un 2015 col segno positivo (+3,8%), «tutto merito dell'export anche quest'anno».

 

«I segnali di ripartenza ci sono, ma sono ancora flebili - ha ripreso Federica Guidi -. Ma Pitti è la dimostrazione che c'è un'Italia che sta reagendo, anzi che ha già reagito e guarda avanti».

 

Il ministro ha elogiato il salone di moda maschile, che si tiene alla Fortezza da Basso fino a venerdì 19 giugno, e che in questa edizione conta 1.178 marchi (un numero record), per il 43% provenienti dall'estero, che portano in scena le collezioni per la primavera-estate 2016. Circa 18mila i compratori attesi nel capoluogo toscano.

 

«La moda uomo sta "esplodendo"  – ha sottolineando Gaetano Marzotto, presidente di Pitti Immagine, società organizzatrice della fiera – ed è per questo che a Pitti ci diamo parecchio da fare. L'estero vola: nei primi tre mesi le esportazioni in America hanno registrato un +15%». «La speranza - ha concluso - è che questa edizione del Pitti segni anche la ripresa del mercato italiano» (nella foto, da sinistra, l'a.d. di Pitti Immagine Raffaello Napoleone, Federica Guidi e Gaetano Marzotto).

 

stats