In Giappone

Emi a Tokyo: riflettori puntati a Rooms su Piermau e Anonyme Designers

Al via oggi, 15 febbraio, a Tokyo il salone Rooms, dedicato alla moda uomo, donna e accessori. Un punto di riferimento anche per il fashion italiano, che sotto l'egida di Emi manda in pista, in un'area speciale, i due marchi Piermau e Anonyme Designers.

 

Arrivata al 34esimo appuntamento, la rassegna accoglie circa 500 marchi e catalizza l'attenzione in media di 19.000 operatori, in rappresentanza dei principali department store - nomi come Isetan Mitsukoshi, Takashimaya, Sogo&Seibu, Printemps Ginza, Matsuya, Hankyu Hanshin - del retail e delle boutique indipendenti.

 

«Il "made in Italy" resta un elemento di grande appeal e poi sappiamo quanto i buyer giapponesi siano un punto di riferimento nel mondo della moda internazionale, per la loro grande attenzione alla qualità, al design e alle tendenze più evolute - afferma Alberto Scaccioni, amministratore delegato di Ente Moda Italia -. Se si pensa che il Giappone si colloca nella top ten dei più importanti mercati di riferimento per la moda italiana, la nostra presenza a Tokyo è ancora più significativa. E anche i dati di Sistema Moda Italia sull’export italiano verso il Giappone, da gennaio a ottobre 2016, hanno fatto registrare una crescita interessante».

 

Il duo Maurizio Modica e Pierfrancesco Gigliotti di Piermau porta al salone la sua seconda collezione, che viene presentata per la prima volta in assoluto nel Paese del Sol Levante: proposte ispirate a un lifestyle urbano, oltre i confini dello streetwear.

 

Anonyme Designers è in pista con il suo womenswear ispirato al day by day, dedicato a donne cosmopolite e dinamiche, attente al comfort e alla qualità, senza trascurare lo stile e il gusto.

 

stats