Moda Donna

Super: confermato il The Mall per la terza volta

Decima edizione e terza al The Mall per Super, il salone dedicato alla moda e agli accessori donna organizzato da Pitti Immagine. In mostra dal 23 al 25 settembre 140 marchi in totale, in bilico tra scouting globale e realtà di riferimento di Pitti Uomo.

 

«5mila metri quadri puliti e minimali: lo spazio al The Mall è la casa ideale per la nostra scelta di label- ha spiegato questa mattina 12 settembre a Milano, nel corso di una conferenza stampa Agostino Poletto, vice-direttore generale di Pitti Immagine -. Una proposta che nasce dalla ricerca di marchi emergenti legati ai nuovi mondi della scena contemporanea, come Nico Giani, vincitore dell'ultima edizione di Who Is On Next? o Annalisa Caricato e che, sull'altro versante, si ancora a etichette che vengono dal mondo di Pitti Uomo quali Castañer e Bagutta, quest'ultima al debutto con la linea L.A L.A Tex, in collaborazione con Alessandro Squarzi».

 

Divisi a metà tra espositori italiani e stranieri e in equilibrio tra label di accessori e abbigliamento, con un ricambio di 65 nuove realtà, gli espositori sono in totale 140, una cifra stabile rispetto all'edizione dello scorso febbraio.

 

Fra le novità presentate da Poletto la collaborazione con la Lagos Fashion & Design Week, che vede un focus sulla scena creativa africana, con una rappresentanza di realtà in arrivo da Nigeria, Ghana e Costa d'Avorio: nomi come Aaks, Gozel Green, Grey, Loza e Maleombho.

 

Guarda fuori dall'Europa anche la liaison con Unido, Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale, che sostiene le aziende e il lavoro in ambito creativo in sette Paesi del Mediterraneo del Sud. In quest'ambito rientrano la label Jo! by Creative Jordan, con la sua collezione di ready to wear (già presente alla scorsa edizione), la linea di bijoux libanese Bookrah realizzata a mano in oro, argento, quarzo e diamanti e le borse made in Egitto di Okhtein, realizzate dalle sorelle egiziane Aya e Mounaz Abdelraouf.

 

Sempre dall'Africa, ma più a sud, arriva la collezione Alama, creata da un gruppo di donne artigiane della tribù Masai della Tanzania, che identifica gioielli di perline realizzati a mano. Un progetto che si lega a una mostra fotografica firmata da Louis Philippe De Gagoue.

 

Si conferma l'appuntmento con Super Talents, la piattaforma di talent scouting curata da Sara Maino di Vogue Italia e Vogue Talents, che vede progagonisti stilisti in arrivo anche da Paesi inconsueti come Argentina, Filippine, Venezuela, Pakistan e Arabia Saudita.

 

E torna il progetto More Dash: Eye on The East, in collaborazione con Daria Shapovalova, fondatrice dei Mercedes-Benz Kiev Fashion Days, che porta alla ribalta le promesse da Armenia, Russia, Ucraina e Repubblica Ceca.

 

Nella foto, una proposta dello stilista ceco Jiri Kalfar, nella scuderia di Daria Shapovalova.

 

stats