Nuove iniziative

La moda cinese all'Expo 2015 con "The fashion of food"

All'Expo 2015 sbarca anche la moda cinese, nell'ambito dell'iniziativa "The fashion of food", grazie a un accordo firmato con il China corporate united pavilion, che porterà importanti gruppi della Repubblica Popolare a Milano.

 

L'annuncio arriva in occasione della missione del sindaco Giuliano Pisapia nell'ex Celeste Impero (il rientro è previsto il 26 del mese). La tappa di oggi è Shanghai, cui Milano è gemellata dal 1979: il primo cittadino ha in agenda un incontro con le autorità, una visita allo Shanghai Italian Center e agli uffici locali di Fiera Milano e la partecipazione a un evento speciale di lancio dell'Expo.

 

A siglare l'intesa Stefano Mologni, ex Istituto Marangoni ed Elite Models, nominato di recente responsabile degli Affari esteri del padiglione e alla guida di questo progetto moda. Il suo obiettivo è lavorare a un'iniziativa unica, in grado di coinvolgere tutti gli attori principali dei sistemi moda cinese e italiano. "Sarà nostra premura - ha anticipato Mologni - entrare in contatto in primis con Camera della Moda, Altagamma e le altre importanti associazioni della moda italiana, con la speranza di lavorare insieme a un programma di interscambio e cooperazione che siamo sicuri possa rappresentare un opportunità per l`intero sistema moda se saremo in grado di sfruttarlo".

 

Ad affiancare Mologni sarà un comitato rappresentativo dell'eccellenza italiana, che vede tra i partecipanti Edwin Fenech (ceo Greater China di Ferrari), Lelio Gavazza (capo di Bulgari Greater China), Edoardo Vittucci (regional director China di Tod's) e Christian Foddis (managing director Greater China di Ferragamo).

 

 

stats