OPENING

Pilotti all'inaugurazione di TheMicam: «Chi fa impresa oggi in Italia è un eroe»

Taglio del nastro ieri mattina (1 settembre) a Fiera Milano Rho per l’80esima edizione di TheMicam. A inaugurare la fiera delle calzature un talk, cui hanno partecipato il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, il vice presidente della Regione Lombardia Mario Mantovani (in precedenza era stata annunciata la presenza di Roberto Maroni), l’eurodeputata Simona Bonafè e la neo presidente di Assocalzaturifici e di TheMicam Annarita Pilotti che, visibilmente emozionata, ha lanciato la provocazione: «Chi fa impresa oggi in Italia è un eroe».

 

Annarita Pilotti, ex poliziotta, imprenditrice e mamma di quattro ragazzi, ha ribadito così la sua appartenenza e il suo impegno verso la categoria. Ha ricordato il ruolo di TheMicam: «È la fiera per eccellenza della calzatura al mondo, una grande opportunità per tutti». Pilotti si è già impegnata sul fronte date di TheMicam. Raccogliendo un'esigenza espressa da molte aziende italiane è riuscita a cambiare gli slot temporali già opzionati per fine agosto, dalla scorsa edizione fino al 2018. La neo presidente ha "strappato" per il 2016 dal 3 al 6 settembre, per il 2017 dal 2 al 5 settembre e per il 2018 addirittura dal 7 al 10 settembre.

 

La nuova guida di Assocalzaturifici ha invocato la detassazione degli investimenti in ricerca e sviluppo (per la realizzazione dei campionari) e insistito sull’internazionalizzazione delle aziende attraverso un programma, che preveda aggregazioni di imprese.

 

«Abbiamo bisogno di un Paese normale - ha affermato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi -. La priorità assoluta è la semplificazione burocratica-amministrativa della nazione. Mentre fiere come TheMicam devono essere considerate a tutti gli effetti strumenti di politica industriale».

 

L’eurodeputata Simona Bonafè ha ricordato come in Europa si cominci a parlare di «rinascimento industriale» e della necessità di reinvestire nella manifattura, affinché il Vecchio Continente non si concentri solo sui servizi. Sono molti i dossier a cui si sta lavorando per garantire alle aziende europee di accedere e competere sui mercati internazionali in condizioni di reciprocità, a cominciare da quello sul “made in”.

 

Mario Mantovani ha ribadito che made in Italy è la parola magica quando si va all’estero e che l’Italia, forte di questo apprezzamento, deve diventare l’«oreficeria del mondo». Il vice presidente della Regione si è detto pronto ad avviare da piazza Lombardia a Milano un tavolo nazionale della moda, finalizzato a valorizzare il sistema Paese e farlo conoscere nei mercati emergenti.

 

 

stats