PROVVEDIMENTI

Bocciate le detrazioni Irpef per i mobili: dura la reazione di FederlegnoArredo

Dura la posizione di FederlegnoArredo verso l’esecutivo per la decisione di non introdurre la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di arredi nelle modifiche al ddl stabilità. Un provvedimento chiesto a gran voce dall’associazione del settore, a fronte della situazione drammatica vissuta dal comparto negli ultimi cinque anni.

 

Si stimano infatti un calo di 14 miliardi di euro nel fatturato e la perdita di 10mila imprese e 51mila addetti. La mancanza di attenzione alla filiera del design made in Italy viene letta, da Roberto Snaidero (presidente di FederlegnoArredo), come un grave distacco della politica dal Paese reale.

 

“Ancora una volta - dununcia in una lettera pubblica - i nostri ‘rappresentanti’ istituzionali hanno preferito puntare su altre iniziative per far ripartire il Paese, tra cui l’apertura di nuove sale per il gioco d’azzardo, ignorando proposte serie che darebbero respiro a decine di migliaia di lavoratori e famiglie, alle prese con la crisi più dura dal Dopoguerra”. La battaglia tuttavia, promette il numero uno dell’associazione di categoria, non finisce qui. (Nella foto, un momento di Design Dance, performance organizzata in occasione della passata edizione de I Saloni di Milano)

 

 

stats